Striscia, attenzione agli amidi modificati: Max Laudadio svela dove si trovano e perché possono essere pericolosi

L'ultimo servizio realizzato da Max Laudadio per 'Striscia la Notizia' ha affrontato l'argomento degli amidi modificati: ma cosa sono, e perché dobbiamo fare caso a questi ingredienti? Scoprite tutto nell'articolo.

Tra gli inviati più noti di 'Striscia la Notizia', storico tg satirico ideato da Antonio Ricci, c'è sicuramente Max Laudadio. L'inviato e conduttore toscano collabora con la trasmissione di Canale 5 sin dal 2003. Molti dei suoi servizi sono interessanti inchieste, realizzate in tutta Italia, sulle magagne e sulle truffe di alcune aziende italiane, o su altri particolari casi di cronaca. Per la trasmissione, attualmente condotta da Sergio Friscia e Roberto Lipari, Laudadio tiene anche una rubrica dedicata ai prodotti di natura alimentare. Il nome della rubrica è 'È tutto un magna magna'. Per questo contenitore, l'inviato toscano realizza servizi d'approfondimento su determinati ingredienti, che non molti conoscono, e che sono, però, presenti in molti prodotti venduti nei supermercati.

L'ultimo servizio realizzato per la rubrica riguarda gli amidi. Laudadio ha parlato, in particolare, degli amidi che vengono utilizzati nelle preparazioni alimentari, poi vendute nei supermercati. In particolare, come ha spiegato il biologo e nutrizionista Dario Vista, l'amido di mais, di frumento e di riso sono "carboidrati complessi, utilizzati in cucina per conferire consistenza, forma e stabilità a una preparazione alimentare come un sugo o una salsa". Quando si utilizzano, ha suggerito Laudadio, bisogna far caso a una cosa in particolare. Se si vuole utilizzare l'amido come addensante nell'industria alimentare, infatti, bisogna evitare di far avvenire il fenomeno della retrogradazione.

Striscia la Notizia: il servizio di Max Laudadio

Come ha spiegato ancora il dottor Vista, mediante il fenomeno della retrogradazione, il prodotto cambierebbe forma e consistenza durante la sua vita di scaffale. Per evitare che questo fenomeno si verifichi, le industrie alimentari hanno inventato gli amidi modificati. "Significa che l'amido ha subito dei trattamenti chimici e fisici, che lo hanno trasformato in una molecola più resistente a particolari fasi del processo produttivo", ha spiegato Vista. A livello nutrizionale, però, gli additivi che rendono l'amido modificato aumentano l'apporto calorico dei prodotti, aumentando anche l'indice glicemico. Come ha mostrato Laudadio, questi amidi modificati possono essere trovati in molti prodotti venduti nei supermercati.

amido-modificato-max-laudadio-striscia-la-notizia
Max Laudadio mostra uno dei prodotti che contengono amido modificato. (Fonte: Striscia la Notizia - Mediaset - Canale 5).

Questi prodotti possono essere, ad esempio, sughi pronti, dessert, yogurt e anche tanti prodotti dedicati ai bambini. Tutto ciò è perfettamente legale, ha spiegato Laudadio, ma a proposito dei prodotti per bambini, l'inviato ha sottolineato una cosa. "Uno degli amidi modificati, l'E1442 è vietato nei prodotti per l'infanzia, perché contiene la propilene cloroidrina, ritenuta mutagena. Purtroppo, in commercio, troviamo alcuni yogurt comuni che contengono questo additivo tra gli ingredienti, e che possono essere mangiati con grande probabilità anche dai bambini", ha spiegato Vista. Fate, dunque, attenzione a questo additivo, che può essere pericoloso se assunto dai bambini.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, Capitan Ventosa mette in guardia dalle ditte idrauliche: "Attenzione a questa magagna: come evitarla"

Lascia un commento