Host di Airbnb rimborsa 2000€ all'ospite per via di un topo, poi si prende una bella 'vendetta'

Un host di Airbnb ha dovuto affrontare il peggiore degli imprevisti: un rimborso totale a un ospite, a poche ore dal check in. La colpa è di un topo, che è stato visto nei paraggi dell'abitazione. La buona notizia è che l'uomo è riuscito a prendersi una sorta di vendetta nei confronti del destino.

Quella dell'host di Airbnb e piattaforme simili è una delle professioni maggiormente in crescita negli ultimi dieci anni in Italia e in molti altri paesi mondiali. Decine di migliaia di proprietari di immobili hanno destinato le loro case di proprietà a uso turistico, attratti dai guadagni relativamente semplici e sicuramente maggiori rispetto all'affitto a lunga scadenza. C'è chi li accusa di aver cambiato in peggio l'identità dei centri storici delle grandi città, ma la domanda da farsi in questi casi è: chi critica, cosa avrebbe fatto al posto degli host se fosse stato nei loro panni?

La vita di un host, chiaramente, non è esente da problemi. Alcuni ospiti poco educati possono lasciare la casa in condizioni igieniche pessime o perfino danneggiare mobili, suppellettili e stoviglie. Non sempre si riesce a ottenere un rimborso dei danni subiti. Un'altra circostanza che i proprietari di case vacanza e B&B odiano sono le cancellazioni last minute. In certi casi, la cancellazione può avvenire perfino a soggiorno già iniziato. Questo è quanto successo a Kyle Toomey, agente immobiliare e host professionista su Airbnb, residente in Virginia, negli Stati Uniti. Pochi giorni fa, ha pubblicato un video in cui, senza giri di parole, sostiene di essere stato fregato (il termine vero è un altro, più volgare) dalla piattaforma.

Host di Airbnb costretto a rimborsare un ospite: tutta colpa di un topo

In uno sfogo diventato virale su TikTok, l'uomo ha spiegato che alcuni clienti che avevano prenotato per 11 notti hanno cancellato la prenotazione poche ore dopo l'arrivo. Solitamente, quando succede un evento del genere, l'host può decidere se rimborsare o meno gli ospiti. In questo caso particolare, però, Airbnb non gli ha dato scelta e lo ha costretto a versare l'intera cifra della prenotazione agli ospiti. Stando alla sua spiegazione, questi ultimi sono stati avvisati da un vicino di casa circa la presenza di un topo che si aggirava nei pressi dell'abitazione. Tanto è bastato per convincerli a cancellare la prenotazione poche ore dopo il check-in, adducendo "ragioni di sicurezza" dietro la scelta, dal momento che "non si sentivano a loro agio".

L'host di Airbnb che spiega di essere stato 'fregato' dalla piattaforma.
L'host di Airbnb che spiega di essere stato 'fregato' dalla piattaforma.

L'host ha ammesso che, effettivamente, c'è un problema con i topi in quell'angolo della città e che paga ogni mese ditte di disinfestazione per provare a risolverlo. Tuttavia, non trova corretto dover rimborsare 2439 dollari, l'equivalente di poco più di 2000€, cifra pagata per 11 notti di soggiorno. Vedere sparire dal proprio conto corrente una cifra simile non farebbe piacere a nessuno. Il suo sfogo, però, ha ottenuto l'effetto desiderato. Dato che milioni di persone hanno visto il video, sono subito arrivate due prenotazioni, una di sette giorni e l'altra di sei, che quindi gli hanno permesso di incassare anche più del previsto. Una piccola grande vendetta verso il destino. Se non avesse pubblicato quel video, probabilmente non avrebbe recuperato neppure un centesimo.

LEGGI ANCHE: Proprietaria di un Airbnb fa le pulizie e trova un uomo sotto il letto: il motivo è inquietante

Lascia un commento