Noi Siamo Leggenda, la fiction Rai scatena l'ira dei fan: "Ha tanti volti noti, ma un terribile difetto"

Noi Siamo Leggenda, la nuova fiction Rai, in generale ha colpito positivamente il pubblico. Tuttavia, qualcuno non particolarmente convinto parrebbe esserci. Ecco su cosa si baserebbero alcuni commenti poco favorevoli

Da ieri sera, Rai 2 ha introdotto il pubblico italiano a "Noi Siamo Leggenda", una nuova fiction che promette di mescolare il genere teen drama con elementi fantastici. La serie, composta da dodici episodi della durata di cinquanta minuti ciascuno, è stata trasmessa in due puntate. Così sarà anche per altre cinque prime serate, culminando con il finale di stagione programmato per il 27 dicembre.

La storia vede al centro Massimo (affidato al talento di Emanuele Di Stefano), un 17enne che scopre di avere un superpotere nel giorno più brutto della sua vita: quello della morte della mamma Michela (interpretata da Raffaella Rea). Ha la capacità di generare fuoco dalle mani. Il ragazzo inizialmente tiene il proprio segreto gelosamente custodito, tuttavia presto si vede costretto a condividere il talento scoperto con gli amici di sempre. Fra questi Marco (Giulio Pranno) e Andrea (Milo Roussel). L'intreccio si complica ulteriormente nel momento in cui altri ragazzi che frequentano la medesima scuola di Massimo cominciano a manifestare poteri del genere.

La trama si sviluppa attraverso varie relazioni e sottotrame, e così spuntano altri personaggi a parte Massimo. Tra questi ci sono Viola (Margherita Aresti), gemella di Marco, Lin (Giulia Lin), Jean (Nicolas Maupas), e Greta (Sofya Gershevich). È così che nasce un team misto e diversificato di giovani dai superpoteri eccezionali. Il tutto diventa ancora più avvincente, dal momento che emergono questioni intime e personali, con un tocco di dramma. Con la morte della mamma, Massimo vive con sua zia Simona (Claudia Pandolfi), una donna distante con un misterioso passato, mentre l'ispettore Beatrice Nenchi (Pia Lanciotti) crede che il protagonista abbia a che fare con alcuni furti in zona. Insomma, la narrazione sembrerebbe avvincente, ma perché dunque non funzionerebbe a detta di alcuni?

Noi Siamo Leggenda, fan scatenati contro la fiction Rai: cosa non ha funzionato

Il cast della fiction Rai, composto da giovani volti emergenti e attori noti del panorama cinematografico italiano (da citare - oltre ai già menzionati, anche Giacomo Giorgio e Valentina Romani), contribuisce a regalare una storia che ha promesso - sin dalla prima puntata, di mescolare elementi fantasy con complicate dinamiche familiari teen. Tuttavia, nonostante le promesse della trama e il coinvolgente cast, la prima puntata della serie non avrebbe suscitato l'entusiasmo sperato tra il pubblico. Alcuni spettatori avrebbero espresso delusione per il ritmo eccessivamente lento della trama, definendola addirittura noiosa. I commenti sulla rete rifletterebbero un mix di speranza per miglioramenti futuri e critica per ciò che sarebbe stato percepito come un avvio poco incisivo.

Noi Siamo Leggenda
Commenti Twitter/X sulla fiction Rai Noi Siamo Leggenda

"Se non prende un po' di ritmo male male male, fino ad ora di una noia raramente vissuta", avrebbe commentato uno spettatore, mentre un altro avrebbe affermato: "Fino ad ora non mi piace per niente". Altri avrebbero sottolineato la necessità di una maggiore vivacità nella narrazione, definendo alcuni momenti "cringe" (imbarazzanti) e sperando in un decollo più energico nelle prossime puntate. Nonostante le prime reazioni tiepide, resta da vedere se "Noi Siamo Leggenda" riuscirà a conquistare il pubblico italiano con il progredire della trama e se riuscirà a rispondere alle molte domande irrisolte che ha introdotto nella sua intrigante premessa.

LEGGI ANCHE: Mediaset, Paolo Bonolis da record: cosa gli affidano dopo Ciao Darwin

Lascia un commento