Avete mai visto il mausoleo di Napoleone a Parigi? La sua storia è da brividi

Napoleone Bonaparte riposa in un mausoleo enorme nella parte inferiore di una nota chiesa di Parigi. La storia che c'è dietro questo monumento è oggettivamente da brividi, per una serie di motivi.

Ieri, giovedì 23 novembre, è finalmente uscito nei cinema italiani 'Napoleon', film diretto da Ridley Scott. Si tratta, chiaramente, di un'opera dedicata a Napoleone Bonaparte, uno dei protagonisti assoluti della storia moderna francese, europea e mondiale. Il film ha ricevuto numerose critiche dalla Francia per presunte inesattezze nel racconto, ma quale film (e non documentario) hoolywoodiano racconta fedelmente le gesta di un personaggio storico? Ai fini della trama, è perfettamente normale cambiare e fare aggiunte fantasiose.

Uno dei ritratti più famosi di Napoleone Bonaparte
Uno dei ritratti più famosi di Napoleone Bonaparte

Chi è interessato alla figura storica di Napoleone Bonaparte conosce sicuramente la poesia '5 maggio' di Alessandro Manzoni. Grazie a suddetta opera letteraria, abbiamo scoperto che il generale francese è morto sull'isola di Sant'Elena, che oggi è un territorio britannico d'oltremare a 2000 km dalla costa dell'Angola, in Africa. Non tutti sanno che Napoleone è rimasto sepolto per alcuni anni in quell'angolo remoto del pianeta Terra, per poi tornare in Francia alcuni decenni dopo. Oggi si trova nella parte inferiore del Dôme des Invalides. Ci vollero quasi quarant'anni per arrivare a quello che è il risultato odierno, del mausoleo sotterraneo che è un tributo da brividi a Bonaparte.

Il mausoleo di Napoleone è un'opera d'arte unica

La prima cosa che spicca è che il mausoleo è la realizzazione esatta del testamento di Bonaparte. "Voglio che i miei resti siano sepolti sulle rive della Senna, in mezzo al popolo francese, che ho amato così tanto", è quanto scritto sul marmo. Dopo quasi venti anni dalla morte, nel 1840 il Re Filippo ordinò il rimpatrio dall'isola di Sant'Elena dei resti mortali di Napoleone, scegliendo proprio Dôme des Invalides come luogo per la nuova sepoltura. Inizialmente, non essendoci un luogo adatto a ospitarlo, fu sepolto in una piccola cappella. Nel 1841 iniziarono i lavori di qualcosa di unico, per davvero. Il sarcofago è stato creato da Louis Visconti, lungo 4 metri e largo 2. Lo stesso artista ha pensato e realizzato l'enorme cripta, che può ospitare svariate decine di persone che possono ammirare la singolare tomba di Bonaparte:

@simplehistory_

#history #napoleon #napoleonbonaparte #france

♬ son original - Simple History

Incredibile ma vero, all'interno della tomba ci sono cinque bare, fatte di materiali diversi. Queste ultime si trovano al di sopra di un pavimento adornato da un mosaico che raffigura le principali imprese militari di Napoleone. Non è finita qui, chiaramente: ci sono 12 statue lungo la cripta e 10 sculture in marmo, che illustrano episodi chiavi del regno di Napoleone. Per realizzare tutto ciò ci sono voluti più di vent'anni e il lavoro è stato completato nel 1861 quando, curiosamente, a capo del regno di Francia c'era suo nipote, Napoleone III.

LEGGI ANCHE: Parigi, il quadro del Cimabue trovato nella cucina di una casalinga cambia 'casa': che fine farà

Lascia un commento