Entra in un container mentre gioca a nascondino e finisce in un altro paese: com'è finita

Un ragazzo ha pensato bene di entrare in un container mentre giocava a nascondino con gli amici. Mentre dormiva, però, il container è stato chiuso e lui è rimasto all'interno per sei giorni. Ecco com'è iniziata e com'è finita quest'incredibile storia.

Praticamente ognuno di noi, da bambino, ha giocato a nascondino. D'altronde era un gioco divertente, per il quale non c'era bisogno letteralmente di nulla, se non di tanta inventiva, voglia di correre e conoscenza del luogo. C'era chi preferiva salvarsi subito e guardare gli altri giocare e chi voleva recitare la parte dell'eroe 'salvando' tutti gli altri e costringendo il 'cacciatore' a ripetere il turno. Ognuno di noi, per nascondersi bene, si è avventurato in luoghi poco sicuri ed ha rischiato l'incolumità. Perché da bambini si è più incoscienti.

Nascondino è uno dei giochi simbolo dell'infanzia di molti di noi.
Nascondino è uno dei giochi simbolo dell'infanzia di molti di noi.

Il 2023 sta per finire, ma alcune notizie meritano di essere riportate in auge. Lo scorso gennaio, infatti, alcuni bambini in Bangladesh stavano giocando a nascondino nei pressi del porto di Chittagong. Uno di loro si è rifugiato in un container per avere l'assoluta certezza che i suoi amici non l'avrebbero trovato. E, nei fatti, così è stato. Il bambino si è addormentato dopo qualche ora nascosto nel container e, proprio in quei momenti, alcuni lavoratori hanno chiuso il deposito e fatto partire la nave, con destinazione Malesia.

Il nascondino nel container che poteva risultare fatale

Una volta giunta a Port Klang, la nave è stata svuotata. All'aprire i container, lo staff portuale è rimasto sotto shock nel trovare un bambino denutrito, esausto ed emaciato. Inizialmente hanno pensato che fosse una vittima di una tratta di minori, anche perché il ragazzino non parlava nella loro lingua ed era impossibile capire come fosse arrivato lì. Per questo motivo, hanno chiamato un'ambulanza che lo ha subito portato in ospedale. Qui, la polizia, con l'aiuto di un interprete, lo ha interrogato e lui ha spiegato, per l'appunto, di essere rimasto chiuso nel container per sei notti mentre giocava a nascondino. Nonostante abbia provato ad attirare l'attenzione, nessuno ha sentito le sue urla.

Un essere umano può sopravvivere anche più di sei giorni senza mangiare, ma non è chiaro come abbia fatto a bere, dato che dopo tre giorni senza ingerire liquidi, il rischio di morire di disidratazione è altissimo. Il bambino, che è stato chiamato "Fahim" dalla stampa locale, è stato riportato in Bangladesh dopo aver ricevuto le cure del caso ed essersi ripreso del tutto. La sua versione è stata giudicata credibile e i sospetti di traffico di bambini sono subito venuti meno. Nella sfortuna, può dire di essere stato fortunato. Alcune navi mercantili trascorrono anche venti o trenta giorni consecutivi in mare e non sarebbe sopravvissuto per tutto quel tempo senza acqua né cibo.

LEGGI ANCHE: "Ho comprato una casa che nessuno voleva e l'ho trasformata in un posto da sogno"

Lascia un commento