"Il mio vicino di casa ha chiamato la polizia per delle foglie nel suo giardino, ma mi sono vendicato subito"

Un uomo ha raccontato di come il suo vicino di casa abbia chiamato la polizia per colpa di alcune foglie secche cadute nel suo giardino. Un'esagerazione? A quanto pare sì, perché il narratore si è subito vendicato, giocando la stessa carta.

Novembre sta per finire e sono state numerose le ondate di maltempo che hanno colpito il nostro paese. Dopo un ottobre estivo, soprattutto nelle prime due decadi, negli ultimi trenta giorni l'autunno si è fatto sentire, con il suo carico di venti e di piogge. Quando pensiamo alla parola "autunno", nel nostro cervello una delle prime immagini che compare è quella delle foglie marroni cadute. Non a caso, in inglese americano questa stagione si chiama "fall", che vuol dire anche "cadere". Che si viva in grandi o piccole città, è probabile aver calpestato foglie rinsecchite e ingiallite negli ultimi trenta giorni.

La caduta delle foglie in autunno
La caduta delle foglie in autunno

Chi ha un giardino e, più in generale, uno spazio privato, è tenuto a rimuoverle, sia per evitare di scivolare in caso di pioggia, sia per tenere l'ambiente pulito e ordinato. Un uomo, in forma anonima sul social network Reddit, ha raccontato di come un vicino di casa molto puntiglioso abbia chiamato la polizia per alcune foglie cadute dall'albero e finite nel suo giardino. L'uomo ha parlato per conto di un suo amico, definendolo come una persona che "ama tenere pulito e ordinato il suo giardino". Ecco il suo racconto: "In autunno, il mio amico preferisce rimuovere le foglie cadute prima che arrivi la pioggia e diventi difficile rimuoverle. Ha un vicino di casa che non vive lì: ha comprato la casa anni fa, ma ancora non ha deciso di trasferirsi".

Il vicino chiama la polizia per delle foglie, lui si vendica così

"Qualche giorno fa, ha pulito il suo giardino con il soffiatore e, per sbaglio, alcune foglie sono andate a finire nei pressi del garage del vicino". Curiosamente, 20 minuti dopo, succede qualcosa di clamoroso: "Qualcuno bussa alla sua porta: erano poliziotti. Gli agenti hanno detto al mio amico che qualcuno li aveva chiamati perché avevano visto una persona soffiare delle foglie verso il loro garage dalle telecamere di sicurezza. Lo stesso agente era infastido da quella chiamata, perché era intervenuto per delle maledette foglie e non per qualcosa di grave".

Chiaramente, delle foglie finite per sbaglio in un vialetto non possono essere motivo di multa o di arresto, per cui i poliziotti hanno chiesto all'uomo di rimuoverle. L'uomo, però, a quel punto si è preso una bellissima vendetta, chiedendo loro di controllare l'auto parcheggiata proprio nel vialetto. "Mentre il mio amico puliva le foglie, i poliziotti hanno controllato la macchina del vicino. Per la legge americana, se un veicolo è lasciato in una zona pubblica, deve avere l'assicurazione valida. Gli agenti gli hanno comunicato che la macchina, essendone sprovvista, andava rimossa dal suolo pubblico entro due settimane. L'uomo dovrà volare dall'altra parte dell'America fino a quella casa solo per spostare di pochi metri l'auto e metterla in garage". Tutto per colpa di qualche foglia.

LEGGI ANCHE: "I vicini odiano i miei addobbi natalizi", esperta di decorazioni ribatte così a chi la critica

Lascia un commento