Le Iene, tassista 'furbetto' escogita un piano assurdo per attirare clienti: lo sconcertante servizio di Nicolò De Devitiis

Nicolò De Devitiis, inviato de Le Iene, ha intervistato, a Roma, quello che, per lui, è il tassista più 'furbetto' della classifica dei furbetti. In effetti, quello che avrebbe fatto il tassista in questione è davvero assurdo: scopritelo nell'articolo.

Ieri sera, come ogni martedì, è andata in onda una puntata de Le Iene. La puntata della trasmissione condotta da Max Angioni e Veronica Gentili è stata seguita da molti telespettatori, come abbiamo specificato in questo articolo. Il segreto del successo del programma di Italia 1, da una parte, sta nel carisma dei suoi conduttori e dei suoi ospiti, ma dall'altra sta nella qualità dei suoi servizi. Tra i servizi più interessanti, realizzati per la puntata di ieri del programma Mediaset, c'è sicuramente quello nel quale Nicolò De Devitiis si è recato a Roma per intervistare un tassista in particolare.

L'inviato della trasmissione di Italia 1 ha spiegato che la persona in questione sarebbe il 'vincitore' della sua personale classifica dei tassisti 'furbetti'. "Vince con un espediente che, fin quando non l'abbiamo visto coi nostri occhi, non l'avremmo nemmeno potuto immaginare. Stiamo parlando del malcostume di cancellare i QR Code dei monopattini a noleggio, posteggiati vicino ad un piazzale di sosta dei taxi", ha spiegato De Devitiis. Praticamente, per attirare un numero maggiore di clienti, questo tassista avrebbe iniziato a cancellare i codici QR Code dei monopattini, per renderli inagibili.

Le Iene: il servizio di Nicolò De Devitiis a Roma è assurdo

Questo espediente è stato segnalato in diverse città. "Ci segnalano che, a Fiumicino, sarebbe stato manomesso il QR Code presente sul gabbiotto del personale dell'aeroporto che, inquadrato, dovrebbe farti vedere quali sono le tariffe previste dal Comune per le diverse destinazioni. Siccome a qualcuno piace fare il furbo e chiedere cifre molto più alte, magari è più facile farlo se il turista non può controllare quale sia la tariffa prevista per legge", ha detto De Devitiis.

le-iene-nicolo-milano-qr-code-tassisti
Nicolò De Devitiis mostra il QR Code cancellato (Fonte: Le Iene - Italia 1).

Arriviamo, a questo punto, al tassista di prima: un cittadino romano ha denunciato di aver trovato dei monopattini a Piazza Di Spagna con il QR Code completamente rovinato con un pennarello bianco, in modo tale che il cellulare non lo riuscisse a leggere. De Devitiis, a questo punto, ha individuato e cercato di intervistare il tassista romano. Gli ha chiesto se aveva un pennarello bianco, e il tassista ha prima negato di aver cancellato il QR Code, e poi ha iniziato a minacciare l'inviato. "Ti sputo!", ha detto, sputando De Devitiis in faccia. Alla fine, il tassista è scappato, e l'inviato non è riuscito a trovarlo.

Ci sono anche (tantissimi) tassisti onesti: anzi, tassisti eroi

Di tassisti furbetti se ne trovano in tutta Italia ma, per fortuna, sono molti di più i tassisti onesti. "Ce ne sono tantissimi onesti, che sono i primi a denunciare il malcostume dei loro colleghi, e ci invitano ad andare avanti", ha spiegato De Devitiis, che si è spostato a Milano per parlare degli altri tassisti. Uno di loro, ha aggiunto l'inviato ha addirittura salvato la vita a un uomo. "Una notte a Milano, alle 3 del mattino, nel quartiere di Porta Genova, Diego Calcaterra era in servizio sul suo taxi, mentre parla al telefono con un collega. Vede un ragazzo inseguito da altri quattro, scena registrata dalla telecamera a bordo della sua vettura", ha spiegato l'inviato, mostrando il video in questione. Calcaterra ha fatto salire un ragazzo inseguito da quattro persone, che volevano rapinarlo, e lo ha riportato a casa. "Sono padre di famiglia, e t'ho visto che eri in difficoltà", ha detto. E sono queste le cose davvero importanti.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, aspirapolvere emette strane voci umane e terrorizza una donna: il servizio di Capitan Ventosa è assurdo

Lascia un commento