Fedez, parole pesanti contro gli haters di Leone: "Conigli infami, vi giuro sulle cose più care della mia vita che..."

Fedez non si trattiene e sbotta ancora su Instagram contro gli haters di suo figlio Leone. Ecco le parole avvelenatissime pronunciate pochi minuti fa

Un episodio sconcertante ha coinvolto recentemente il rapper italiano Fedez e il suo primogenito Leone, avuto con Chiara Ferragni. Durante l'anticipo di Serie A fra Milan e Frosinone, il bambino ha fatto da mascotte accompagnando il calciatore rossonero Theo Hernandez in campo. Tuttavia, questa partecipazione innocente avrebbero scatenato l'ira di alcuni haters che hanno preso di mira il piccolo su Twitter.

Fedez
Fonte: Instagram

Uno degli utenti avrebbe pubblicato una foto di Leone insieme al terzino rossonero con una scritta minacciosa, interrogandosi su quale dei due "meritasse" di più uno sparo. Un commento scioccante e inappropriato che ha spinto Fedez a prendere immediatamente provvedimenti. Il rapper non ha esitato a denunciare l'utente alla polizia postale, anche se il post è stato successivamente rimosso. Tuttavia, la vicenda non si è fermata qui. Nervoso per ulteriori commenti negativi nei confronti del figlio, il cantante è intervenuto su Instagram per difendere Leone e condannare l'odio online.

Fedez, le parole contro chi insulta suo figlio Leone: "Abbiate i cog***ni!"

Pochi minuti fa, il rapper ha espresso ancora il suo disappunto verso chi si nasconde dietro un anonimato virtuale, sottolineando la necessità che anche gli hater assumano la responsabilità delle proprie azioni. Fedez ha dichiarato di essere disposto a perseguire legalmente chiunque minacci o diffami suo figlio, affermando di voler conoscere personalmente gli autori di tali commenti: "Cari amici del Twitter Calcio, voi vi state crogiolando dicendo: 'Ah, gnegne ho augurato un tumore a un bambino di cinque anni non mi possono fare niente perché non costituisce reato'. Ma tranquilli, a me interessa solo sapere chi siete, il vostro nome e cognome, perché sapete, è inutile, che andate a prendere i miei Tweet di quando avevo 20 anni, quello che scrivevo, perché ho sempre messo la faccia in quello che dicevo".

Le parole di Fedez sono cariche di determinazione nel sottolineare che non accetterà l'odio gratuito e le minacce rivolte al suo bambino. Il rapper ha invitato gli haters a confrontarsi faccia a faccia, sfidandoli ad assumersi la responsabilità delle loro azioni. Fedez ha dichiarato che la denuncia non è finalizzata a punire, ma piuttosto a identificare gli individui responsabili: "Ma io ve lo giuro sulle cose che ho più care nella mia vita, vi spa**o il c**o ragazzi, non avete idea. Ve lo spa**o quel c**o di me**a, conigli infami che non siete altro. A presto".

Infine, ha concluso con parole pesanti, ma probabilmente necessarie per lasciar trasparire tutta la sua rabbia: "Fate le cose da uomini quale siete, ok? Visto che io sono l'infame che vi ha denunciato. Accorciamo i tempi. Venite sotto casa mia. Quando mi vedete ditemelo. Abbiate i cog***ni. Io sono qua, ok?".

LEGGI ANCHE: Verissimo, "prima volta in assoluto". Dal Grande Fratello al salotto di Silvia Toffanin, chi arriva in studio

Lascia un commento