Previsioni del tempo, il meteorologo avverte: "Arriva la neve a bassa quota, ecco su quali regioni"

Pochi giorni prima dell'inizio ufficiale dell'inverno, su alcune regioni italiane arriverà la neve a bassa quota: vediamo quali. Le previsioni per i prossimi sette giorni indicano che, dopo una breve parentesi mite, tornerà il freddo.

Ci siamo lasciati alle spalle un novembre piovoso, che ha lasciato spazio a dicembre freddo. In nessuna regione si sono registrati veri e propri disagi per il freddo o per la neve, ma al Nord le minime sono spesso scese sotto lo zero. Ci troviamo in una fase che, dal punto di vista meteorologico, è complessa. Da giorni, ormai, si registrano rapidi passaggi perturbati, alternati a fasi di tempo più stabile e talvolta mite. La settimana inizierà proprio così: da lunedì a mercoledì su tutta Italia si registreranno temperature più alte rispetto alla media del periodo.

In questi tre giorni, tuttavia, non mancheranno le piogge. La buona notizia è che saranno piovaschi: nessuna regione italiana dovrà fare i conti con temporali violenti che potrebbero causare danni. Qualche fenomeno più intenso è previsto solo nella fascia appenninica, ma non si tratta di fenomeni che destano preoccupazione. Fiumi e laghi ringrazieranno: questo tipo di precipitazioni è il migliore, poiché fornisce ai bacini una moderata quantità di acqua, senza causare un riempimento eccessivo e repentino. La giornata di mercoledì, in particolar modo al mattino, sarà piovosa su tutte le regioni del Nord e per questo c'è chi ha parlato di ciclone di Santa Lucia. Ma cosa succederà dopo mercoledì?

Previsioni, arriva la neve a bassa quota: ecco dove

Secondo il meteorologo @MMarco0, tra i più seguiti su Twitter/X, nella settimana appena iniziata assisteremo a una fase di transizione da clima mite a invernale/artico. Tra lunedì e mercoledì, come detto, avremo un clima mite, ma non per questo soleggiato: in particolar modo Pianura Padana e valli interne del Centro faranno i conti con la nebbia, oltre che con nuvolosità a bassa quota e piogge deboli sul versante tirrenico. Nella giornata di giovedì, però, l'anticiclone subtropicale verrà 'spazzato via' da una saccatura nord-atlantica, che darà inizio a una nuova fase di maltempo, con conseguente calo delle temperature. Sul versante adriatico, tra giovedì e sabato, non sono da escludere deboli nevicate a bassa quota su regioni come Abruzzo, Puglia e Molise.

Le previsioni del tempo parlano del possibile arrivo di neve a bassa quota.
Le previsioni del tempo parlano del possibile arrivo di neve a bassa quota.

Insomma, la settimana che precede l'arrivo dell'inverno (22 dicembre) sarà a due facce: prima un breve anticiclone con temperature miti (e piogge deboli), seguito da un'irruzione artica, con piogge localmente più forti, specialmente nelle regioni interne del Centro Italia e qualche nevicate sulle regioni adriatiche. Cosa succederà dopo? Le previsioni a medio termine indicano il probabile arrivo di un anticiclone, che garantirà tempo stabile e soleggiato per circa una settimana, a partire da lunedì 18 dicembre. Secondo quelle a lungo termine, a Natale dovrebbe tornare il cattivo tempo e il freddo. Le previsioni a più di 5 giorni hanno un elevato margine di errore e, pertanto, prima di parlare con certezza di cosa succederà dopo il 18 dicembre, bisognerà attendere il fine settimana, quando avremo modelli aggiornati.

LEGGI ANCHE: Australia, italiani vistano la spiaggia più pericolosa del paese: perché si è guadagnata questa fama

Lascia un commento