Ragazza perde l'olfatto per colpa del Covid e lo recupera dopo tre anni: "La prima cosa che ho annusato"

Una ragazza ha ammesso di aver perso l'olfatto circa tre anni per colpa del Covid e di averlo recuperato solo poche ore fa. Quale sarà stata la prima cosa che ha annusato a narici spalancate?

Nel 2020 e nel 2021, nel 90% dei discorsi degli italiani era compresa la parola 'Covid'. Gradualmente, con l'arrivo di nuove emergenze e nuovi temi caldi, il virus respiratorio è stato messo da parte. Dall'inizio dell'autunno, si è tornato a parlare di vaccino e della necessità, per i 'fragili' e gli Over 60, di sottoporvisi anche oggi che non esiste più il Green Pass. È di ieri lo scoop di Politico, secondo cui nella sola Unione Europea almeno 215 milioni di dosi di vaccino sono finite nell'immondizia, perché scadute o inutilizzate. Lo spreco, in termini pecuniari, è di circa 4 miliardi di euro.

Vi ricordate dei tamponi? Del Covid? Della perdita di olfatto?
Vi ricordate dei tamponi? Del Covid? Della perdita di olfatto?

Una percentuale altissima di italiani, che l'abbia dichiarato all'ASL o meno, ha contratto il virus negli ultimi tre anni. Esiste chi è tornato negativo nel giro di una settimana e chi ha impiegato un mese. C'è chi ha avuto sintomi lievi e chi è stato male, finendo perfino in ospedale. Una circostanza comune è la perdita dell'olfatto. Il più delle volte, questo senso tornava nel momento esatto in cui l'organismo sconfiggeva il virus. Molte persone, tuttavia, non l'hanno recuperato per diverse settimane. Il record mondiale, però, forse lo detiene una ragazza di nome Claudia, che sostiene di averne dovuto fare a meno per tre anni.

Recupera l'olfatto dopo tre anni: la prima cosa che fa

Il video risale alla settimana scorsa. Claudia Sierra, donna spagnola, fa sapere che l'olfatto le è tornato all'improvviso. "Tre anni fa ho perso l'olfatto per colpa del Covid. Non mi tornava più, nonostante abbia usato delle gocce. Stamattina, improvvisamente, l'ho recuperato. E vi dico una cosa: passerò la giornata ad annusare tutto quello che posso!". La prima cosa che prende è Nenunco, un'acqua di colonia molto usata in Spagna per rinfrescare le mani e dare loro un odore gradevole. "Mi ero dimenticata del profumo dei profumi! Mi mancava da tre anni, anche se ho continuato a usarlo".

@soyclaudiasierra

😂🙌

♬ sonido original - Claudia Sierra

Subito dopo ha preso... l'ammoniaca! E, ovviamente, ha provato un forte disgusto pochi istanti dopo aver messo le narici a un centimetro dal collo della bottiglia. Infine è passata al caffè, i macarones (pur non mostrandoli) e poi al collo del suo fidanzato. Nel mezzo, c'è spazio anche per un po' di goliardia: "Non vedo l'ora di tornare ad annusare i peti. Giuro che appena ne faccio uno, lo annuserò". Nei commenti, molte persone le hanno chiesto se abbia utilizzato un medicinale. Lei assicura di no: "È tornato all'improvviso, in maniera casuale. Ho provato con le gocce, poi ho fatto visite dagli otorino, ma ci ho perso la speranza. Era uno spreco di soldi".

LEGGI ANCHE: Lascia il suo paese e il suo lavoro per amore: oggi vive nella foresta senza acqua potabile

Lascia un commento