Il mondo dietro di te, il simbolismo nascosto del film Netflix: i dettagli che forse non hai notato

Dall'8 dicembre è disponibile su Netflix 'Il mondo dietro di te', film diretto da Sam Esmail. Un'opera molto complessa, che contiene numerosi dettagli nascosti (poco o molto). Un'analisi approfondita di alcune scene simbolo e del messaggio che, forse, il regista vuole trasmettere.

Natale è un periodo perfetto per guardare film e serie tv. Molti hanno già visto 'Il mondo dietro di te', altri ce l'hanno in programma. Questo articolo è rivolto a chi l'ha già visto, perché contiene spoiler molto rilevanti del film. Partiamo dal primo dettaglio, che è già stato discusso ampiamente in rete: il film è prodotto dai coniugi Obama. Come fa notare l'utente di Twitter/X, con toni parecchio complottisti, i due rappresentano l'élite e, tramite il film, vogliono lanciare dei messaggi.

Ne 'Il mondo dietro di te', ci sono tre 6 sparsi in questa inquadratura. Fonte: Marco Brotto - Twitter/X.
Ne 'Il mondo dietro di te', ci sono tre 6 sparsi in questa inquadratura. Fonte: Marco Brotto - Twitter/X.

Lo stesso Sam Esmail, in un'intervista, ha detto che nel film non c'è "nessun messaggio", per poi precisare: "Se proprio c'è, è un avvertimento". Passiamo, ora, al simbolismo nel film. Iniziamo con il capitolo magliette: Clay ne indossa una dei 'Bikini Kill', un gruppo punk-rock femminista. Secondo alcuni, è il simbolo dell'uomo medio americano 'indottrinato' nella 'ideologia'. A un certo punto, i suoi due figli indossano magliette 'Obey' e 'NASA'. Molti complottisti credono che la NASA sia un'associazione satanista, che nasconde il segreto della Terra Piatta. Da qui "obbedisci alla NASA". Sono chiaramente teorie senza alcun fondamento, ma a cui milioni di persone credono. Nei titoli di apertura, si vedono bandiere americane rovesciate, Statue della Libertà al contrario e Occhi che osservano tutto.

Il simbolismo in 'Il mondo dietro di te'

Un altro tema fondamentale è 'Friends'. Ovviamente chi vede complotti ovunque collega l'uscita del film alla recente scomparsa di uno dei protagonisti, Matthew Perry. Si tratta di una tristissima coincidenza e nient'altro. Tuttavia, al di là dei complottismi, è interessante notare come la bambina sia ossessionata da 'Friends' e che trascorra molto tempo usando il tablet. Per i bambini che hanno seguito lezioni da 'remoto' durante i mesi del lockdown, il tablet è diventato uno strumento da cui sono dipendenti. La realtà fuori è spaventosa e loro si rifugiano nella tecnologia.

Torniamo agli Obama: qualcuno crede che il messaggio del film sia il seguente: l'America può davvero essere vittima di un attacco del genere... perché se l'è meritato. C'è chi pensa che gli Obama abbiano prodotto un film del genere per 'vendicarsi' dopo i quattro anni di governo Trump, che è indicato come probabile vincitore delle elezioni del 2024 dopo il governo di Biden. Sulla nave c'è scritto 'White lion', che è una nave corsara inglese che portò i primi schiavi africani nello stato del Virginia nel 1619. Si pensa che quello fu l'inizio della tratta degli schiavi. Julia Roberts, la protagonista, ripete più volte che l'umanità è terribile e che odia le persone. Non a caso, nei passaggi seguenti, la studentessa ribelle chiede al professore se sia mai andato a finire a letto con una sua studentessa. Amanda, invece, dopo qualche bicchiere di vino è a un passo dal concedersi fisicamente a G.H.. Insomma, una critica alla società americana, troppo dipendente dalla tecnologia e che non si fa problemi a tradire. Qualcuno si limita a vederla così, altri che gli Obama siano dietro tutto e che vogliano spingere per un governo mondiale, allineato a un'unica ideologia.

LEGGI ANCHE: Stasera in tv nulla vi convince? Su Netflix spunta un film con Leonardo Pieraccioni, talento comico scoperto da Claudio Cecchetto

Lascia un commento