Quest'uomo è ricercato da 17 anni dalla Interpol, ma pubblica tutti i giorni su TikTok: la sua storia

Un uomo è diventato a suo modo famoso su TikTok, spiegando di essere un latitante ricercato da 17 anni dalla Interpol e dall'FBI. Anziché nascondersi, provoca le agenzie che lo ricercano. Vediamo qual è la sua storia e perché nessuno riesce a catturarlo.

Tra pochi giorni cadrà il primo anniversario della cattura di Matteo Messina Denaro. Il mafioso trapanese è stato assicurato alla giustizia il 16 gennaio del 2023. Da tempo, questo nome veniva associato alla formula "uno dei latitanti più ricercati al mondo". Si è scoperto che il criminale era gravemente malato e che ha trascorso gli ultimi otto mesi della sua vita tra galera e ospedale a combattere con un male inguaribile. Del suo periodo di latitanza, si è detto veramente di tutto. Una cosa è certa: Messina Denaro non aveva un account social.

Un latitante meno pericoloso di lui, ma comunque destinatario di accuse gravi, è forse l'unica persona ricercata al mondo che ha un profilo TikTok attivo. Lui si chiama Chad Hower ed è latitante da 17 anni. Per qualche motivo, come username di TikTok, ha scelto "Kudzu il procione". L'accusa sul suo capo è gravissima: secondo le autorità nel 2009 avrebbe sequestrato suo figlio. Tutto è iniziato nel 2001, quando ha divorziato dall'ex moglie. All'epoca Hower era uno sviluppatore di software per la Microsfot, un buon lavoro che gli garantiva uno stipendio dignitoso. Nel 2006 riuscì a ottenere la custodia del figlio, accusando l'ex moglie di negligenza.

L'uomo ricercato dall'Interpol da 17 anni che usa TikTok

Da qui, la storia diventa complessa: Aarys, il figlio, lo segue fino a Cipro, ma quando torna negli Stati Uniti denuncia il padre di averlo sequestrato. A quel punto, cambia il nome in Alex e rinnega sia il padre che la madre, pur essendo libero come una farfalla. Da quella denuncia, la vita di suo padre è diventata complicatissima, perché anziché affrontare il processo, ha preferito fuggire. Chad, da 17 anni, si sposta in tutti i paesi mondiali dove non esiste obbligo di estradizione verso gli Stati Uniti. A suo dire, l'Interpol è riuscito a bloccarlo in Bulgaria, facendolo finire in prigione per cinque volte. Oggi vivrebbe a Mosca. La Russia, chiaramente, non permette l'estradizione verso gli USA.

L'uomo, ricercato da 17 anni, si fa beffe dell'FBI e dell'Interpol così.
L'uomo, ricercato da 17 anni, si fa beffe dell'FBI e dell'Interpol così.

Proprio la Russia gli ha fornito asilo politico e negato l'estradizione verso gli Stati per tre volte, a suo dire. "Non c'entra niente mio figlio: l'FBI mi cerca perché ero sposato con una donna russa e i miei suoceri erano ingegneri informatici. Volevamo alcuni segreti militari della Russia da me, per questo rendono la mia vita un inferno", ha dichiarato. In questa assurda vicenda, un ruolo importante ce l'ha il figlio. Anche se per la legge americana è "sequestrato", in realtà anche lui pubblica spesso sui social, assicurando di essere vivo e vegeto, senza però specificare in quale nazione si trovi. Suo padre assicura che, nonostante sia ricercato dalla Interpol, non esistano prove concrete a suo carico.

@kudzutheraccoon

♬ Epic Music(863502) - Draganov89

LEGGI ANCHE: "Sono segretamente innamorata del fratello del mio fidanzato e non so cosa fare", la confessione di una 22enne

Lascia un commento