Trova migliaia di banconote tra i muri della nuova casa, poi riceve una cattiva notizia

Un uomo, durante i lavori di ristrutturazione della sua nuova casa, ha trovato centinaia di banconote nascoste tra i muri. Inizialmente ha gioito, per poi rendersi conto che la svolta c'è stata solo a metà.

Molti sognano di trovare migliaia di euro per terra. I più realisti (o forse no?) sperano di vincerli alla Lotteria. In questi casi, c'è soltanto bisogno di tanta fortuna e nulla più. Un uomo spagnolo di nome Toño Piñeiro può dire di essere fortunato nella sfortuna o sfortunato nella fortuna, perché in una vecchia casa acquistata e da ristrutturare, ha trovato tanti soldi, non riuscendo però a sfruttarli come avrebbe voluto. Almeno non del tutto. L'operaio è nato e cresciuto a Sober, un piccolo paesino nella provincia di Lugo. A venti anni si è trasferito nella più grande Villareal, in cerca di un lavoro stabile.

Qui ha iniziato a lavorare in una grossa impresa di costruzioni e ha anche messo su famiglia, accogliendo una figlia pochi anni fa. Messa da parte una piccola fortuna, l'uomo ha deciso di acqusitare una casa nel suo paesino natale, Sober, dove ancora vive parte della sua famiglia. Intervistato dalla stampa locale, ha dichiarato: "Ho comprato questa casa otto anni fa. È una casa antica, per cui ho dovuto metterci mano per ammodernarla un po'. La prima cosa che ho fatto è stata una grossa pulizia: era piena di oggetti inutili e vecchi. Ho buttato quasi tutto. Nei periodi di pausa dal lavoro, ho iniziato a lavorarci seriamente. Buttando giù i muri, ho trovato cinque milioni di pesetas nascosti in barattoli di Nesquik".

Trova centinaia di banconote nei muri della casa nuova, ma c'è un intoppo

Al cambio ufficiale, sarebbero circa 30.000 euro. All'epoca dei primi due ritrovamenti, l'uomo poté cambiarli in euro. "Li ho spesi per rifare il tetto", ha ammesso. Come detto, i lavori proseguivano a rilento, dato che l'uomo lavora ancora 12 mesi su 12 come operaio. Dopo aver buttato giù altri muri negli anni seguenti, l'operaio di recente ha trovato ulteriori quattro milioni di pesetas (24.000€), a loro volta nascosti in barattoli di cacao in polvere. I più recenti, però, non li ha potuti cambiare, dal momento che la Banca di Spagna dal 2022 non accetta più monete del vecchio conio.

 Toño Piñeiro mostra le sue pesetas. Fonte: Actualidad 365 - Facebook
Toño Piñeiro mostra le sue pesetas. Fonte: Actualidad 365 - Facebook

La 'buona' notizia è che vari collezionisti hanno acquistato gran parte dei biglietti ritrovati e lui è riuscito a guadagnare altre cifre. Certo, non paragonabili al cambio, ma l'uomo è stato già sufficientemente baciato dalla fortuna. Curiosamente, uno degli acquirenti è il disegnatore Pepe Cruz, figlio di José María Cruz Novillo, uno degli ideatori dei biglietti di pesetas stampati tra 1979 e 1985, che ha acquistato varie banconote disegnate dal padre. "Gli altri li venderò un po' alla volta tramite Internet. Ho conosciuto acquirenti perfino dal Messico". Attualmente, i pezzi da 5.000 pesetas li vende a 30 euro ciascuno, mentre per quelli da 1.000 ne chiede 15.

LEGGI ANCHE: Il cane ingerisce 4000$ in banconote: coppia è costretta a fare l'impensabile

Lascia un commento