Poste Italiane, ultimi giorni per candidarsi a una selezione in Campania ed Emilia-Romagna: i requisiti

Indetta una nuova selezione del Gruppo Poste Italiane in alcune regioni del nostro Paese, come la Campania e l'Emilia-Romagna: si tratta di un'importante opportunità lavorativa, scoprite tutti i dettagli.

Il Gruppo Poste Italiane ha indetto nelle scorse settimane una nuova selezione, per un tirocinio professionale finalizzato al conseguimento dei requisiti per l'ammissione all'esame di abilitazione alla professione di Avvocato. Si tratta, in particolare, del tirocinio professionale forense disciplinato dall'articolo 41 della legge n°247 del 2012. È una grande opportunità, per gli aspiranti avvocati italiani, che puntano a formarsi per l'esame di abilitazione alla professione di avvocato all'interno di una realtà di grande importanza come è quella del Gruppo Poste Italiane. La selezione è aperta in diverse sedi, e cioè a Roma, a Napoli, a Bologna, a Catanzaro, a Venezia e a Cagliari. Il suddetto Gruppo promuove, in effetti, il tirocinio insieme agli Ordini degli Avvocati delle suddette città.

È sicuramente un'ottima scelta per chi vuole svolgere il tirocinio per l'abilitazione professionale in una realtà rilevante e rinomata come quella del Gruppo Poste Italiane. Inoltre, i candidati scelti avranno la possibilità di svolgere questa esperienza nella loro città, nella loro regione, o, comunque, in una città scelta da loro. Il Gruppo Poste Italiane indicherà, di volta in volta, il numero di tirocini che sarà possibile attivare, a seconda delle disponibilità dell'organizzazione stessa. In base a questa indicazione, e a seconda del numero di domande giunte, determinerà anche la percentuale di candidati che si potranno ammettere alla selezione.

Poste Italiane, al via la selezione in Lazio, Campania ed Emilia-Romagna: i dettagli

I candidati scelti saranno affidati alla Funzione Affari Legali locale di Poste Italiane, e avranno la possibilità di essere affiancati e supervisionati da avvocati facenti parte della suddetta funzione. Tali avvocati sono iscritti presso l'Elenco Speciale 'Ente Poste Italiane', che è stato istituito presso il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati. Come si prevede nell'articolo 41 della Legge Forense, il tirocinio durerà minimo sei mesi e massimo dodici mesi. Esso prevede anche una retribuzione mensile di euro 600 lordi, che verrà considerata come un rimborso spese.

bologna-poste-italiane-lavoro-emilia-romagna-campania
Piazza Maggiore a Bologna, una delle città in cui è aperta la selezione. (Foto propria).

La selezione prevede una prima valutazione dei titoli, e poi un colloquio conoscitivo e motivazionale. Un team di esperti sarà incaricato di valutare le candidature, basandosi, per l'appunto, su questi due parametri. I candidati potranno inviare una mail a supprec@posteitaliane.it per ulteriori chiarimenti sulla posizione. Per partecipare alla selezione, bisognerà inviare la propria candidatura online, sul sito che potete raggiungere cliccando qui. Questo è l'ultimo mese in cui potrete inviare la candidatura: la data di scadenza per l'invio delle domande è, infatti, fissata al 31 gennaio 2024.

I requisiti per partecipare

Di seguito, elenchiamo tutti i requisiti previsti per partecipare alla selezione:

  • Il possesso della cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell'Unione Europea. È possibile anche possedere la cittadinanza di uno Stato non appartenente all'Unione Europea, ma solo qualora si possedessero i requisiti previsti dall'art. 17 comma 2 della Legge n. 247 del 2012;
  • Il possesso di una Laurea magistrale in Giurisprudenza con la massima votazione. Tale titolo dovrà essere stato conseguito da non più di 24 mesi;
  • L'iscrizione al registro dei praticanti presso il Consiglio dell'Ordine di Roma, Napoli, Bologna, Cagliari, Catanzaro o di Venezia. Tale iscrizione dovrà essere stata effettuata da non più di 2 mesi.

I candidati che posseggono tali requisiti, dovranno allegare alla propria candidatura il curriculum vitae aggiornato e l'allegato B, compilato e sottoscritto. Le candidature che saranno determinate incomplete, oppure che saranno state inviate in modalità differenti da quelle indicate, non saranno considerate.

LEGGI ANCHE>>>Concorsi pubblici, indetto bando in Friuli-Venezia Giulia: aperto a chi ha almeno la licenza media

Lascia un commento