Passeggera dell'aereo che ha perso il portellone in volo racconta quegli attimi: "La prima cosa che ho fatto"

Nelle ultime 72 ore si sta parlando molto dell'aereo dell'Alaska Airlines che ha perso il portellone in volo. Una passeggera presente a bordo ha raccontato quegli attimi di panico, dichiarando di aver "inviato alcuni messaggi" ai suoi familiari.

Si dice che l'aereo sia il mezzo di trasporto più sicuro al mondo. Questo è un dato di fatto, eppure gli incidenti possono capitare anche a bordo di un mezzo così affidabile. Ecco perché negli ultimi giorni la notizia di un aereo dell'Alaska Airlines che ha letteralmente perso il portellone in volo è diventata virale in tutto il mondo. Il velivolo appartiene alla flotta della Alaska Airlines ed è un Boeing 737. A bordo c'erano 174 passeggeri.

A giudicare dai report ufficiale, prima è saltato il portellone e poi un pezzo di parete. La buona notizia è che, oltre al comprensibile spavento dei presenti, sostanzialmente non è successo altro. L'equipaggio ha effettuato un atterraggio di emergenza all'aeroporto di Portland, lo stesso da cui era partito, mettendo tutti in salvo. La cosa 'curiosa' - per modo di dire - è che l'incidente è avvenuto sei minuti dopo il decollo. L'aereo è partito alle 17:07 del 6 gennaio 2024 ed è atterrato alle 17:27. Un'esperienza terribile, che si è conclusa nel migliore dei modi. Delle 174 persone a bordo, una ha parlato sui propri profili social di quanto successo, raccontando quegli attimi di puro terrore.

Una passeggera dell'aereo che ha perso il portellone racconta le sue sensazioni

Amiepan_ è l'utente TikTok in questione. Curiosamente, la ragazza era riuscita ad addormentarsi nei pochi minuti trascorsi a bordo dell'aereo. "All'improvviso mi sono svegliata e mi sono ritrovata per terra. Quando mi sono rialzata, ho visto cadere le maschere di ossigeno dalla parte superiore dell'aereo. Ho sentito gli altri passeggeri urlare". Nonostante l'equipaggio invitasse tutti a mantenere alla calma, il panico è stato inevitabile. D'altronde se il portellone principale si apre ad alcune migliaia di altezza, in pochi riescono a mantenere la calma. "Un'esperienza terrificante. Nessuno sapeva cosa stesse succedendo. Il pilota ha ordinato a tutti di mettere la maschera prima di aiutare gli altri. Un bambino ha perso il suo cellulare. Semplicemente surreale".

La passeggera dell'aereo mostra i messaggi inviati a sua madre.
La passeggera dell'aereo mostra i messaggi inviati a sua madre.

Nei passaggi successivi, la giovane ha anche spiegato di aver inviato dei messaggi ai suoi genitori. "Sono cadute le maschere dell'ossigeno. Per favore, pregate per me. Non voglio morire. Non voglio andarmene così". Non sappiamo se il merito sia delle preghiere o del sangue freddo dei piloti, ma una cosa è certa: nessuno dei passeggeri ha perso la vita o è rimasto ferito. L'aereo è atterrato nello stesso aeroporto da cui era decollato 20 minuti prima. Poche ore fa Alaska Airlines ha fatto sapere che metterà a terra "temporaneamente" i 65 aerei Boeing 737 Max 9 della sua flotta per effettuare delle ispezioni di sicurezza. Solo dopo l'ok degli ingegneri, i velivoli potranno tornare a trasportare passeggeri.

LEGGI ANCHE: "Mi sono rifiutato di cedere il mio posto in aereo a una donna incinta: penso di avere ragione io"

Lascia un commento