Si trasferisce in Australia e viene licenziato da un giorno all'altro: "Una mancanza di rispetto"

Un ragazzo che si è trasferito in Australia per lavoro è rimasto spiazzato dalla facilità con cui è stato licenziato. In un video sfogo, ha raccontato che in questo paese, i diritti dei lavoratori non sono gli stessi dell'Europa.

Nel 2020, 2021 e per la prima parte 2022, entrare e uscire dall'Australia era estremamente difficile. Il paese oceanico ha istituito regole molto dure per evitare il diffondersi del Covid 19. Oggi che le frontiere sono riaperte, è ricominciato di nuovo l'esodo di giovani europei (e non solo) verso il paese, alla ricerca di opportunità lavorative. Spesso non c'entra solo il lavoro ma anche la voglia di vivere in un paese lontano dal Vecchio Continente sia geograficamente che culturalmente. Tra i tanti expat, c'è un ragazzo di nome Sergio Valla, di nazionalità spagnola, giunto in Australia per lavorare.

Come capita ad altre persone che lavorano nel campo della ristorazione, Sergio ha deciso di svolgere due lavori: cameriere di giorno in un ristorante e cuoco di sera in un altro. D'altronde, il ragazzo non rimarrà a vita in Australia e, fin quando possibile, vuole approfittare dei salari australiani per mettere da parte soldi da una parte e accumulare esperienza dall'altra. Proprio il fatto che avesse due lavori, però, è bastato a fargliene perdere uno. "Un giorno, alla fine del turno, ho spiegato ai miei manager che avevo anche un altro lavoro. È stato l'inizio della fine, avevano da ridire su qualsiasi cosa che facessi".

Australia, giovane spagnolo licenziato perché ha due lavori

"Hanno reagito malissimo, dicendomi che così non andava bene e che a loro non piace la gente con due lavori". Il giorno seguente, poi, le cose peggiorano: "Erano le 16:30, avevo finito il turno del primo lavoro ed ero diretto al secondo, quando ricevo una chiamata. Mi dicono che quel giorno non c'era bisogno di me, che erano a posto con il personale. Gli dico che non è un problema ma che gradirei essere avvisato prima, non con mezz'ora di anticipo. A quel punto la manager si innervosisce ancora di più e mi chiede di quanto tempo ho bisogno, io rispondo che un datore di lavoro corretto dovrebbe avvisare almeno 24 ore prima"

Il ragazzo licenziato da uno dei suoi lavori in Australia... perché ne aveva due. Fonte: sergiovalla - TIkTok
Il ragazzo licenziato da uno dei suoi lavori in Australia... perché ne aveva due. Fonte: sergiovalla - TIkTok

La situazione precipita: "Subito dopo mi dice che non c'era bisogno di me neppure il giorno seguente". Dopo una breve discussione, Sergio arriva a minacciare di presentarsi ugualmente sul posto di lavoro per chiedere, di persona, come mai gli stessero mancando di rispetto e avere un confronto a quattr'occhi, anziché via telefono. Poi, però, il ragazzo ci pensa: "Non perdo tempo per arrivare fin lì. Volevo solo far capire che stavano trattando male il loro personale". Da quel giorno, il rapporto lavorativo si è interrotto.

@sergiovalla

Me han echado de mi trabajo… 🧑🏻‍🍳 Dia 38 de 365 en AUSTRALIA 🇦🇺 #españolenaustralia #mexicanoenaustralia #argentinoenaustralia #fyp #pt #fy #parati #viral #foryourpage #lentejas #australia #cuantogano #fypシ #salarios #viajaraustralia #vivirenaustr

♬ Very Sad - Enchan

LEGGI ANCHE: Australia, italiani vistano la spiaggia più pericolosa del paese: perché si è guadagnata questa fama

Lascia un commento