"Sono anni che non indosso la biancheria intima e vi spiego perché", il suggerimento controverso di una donna

Una donna ha ammesso che non indossa biancheria intima di alcun tipo da anni e che questa decisione le ha letteralmente migliorato la vita. Per quanto controversa, è una scelta su cui non è disposta a tornare indietro. Leggiamo la sua 'versione' dei fatti.

Quasi ognuno di noi - maschio, femmina o persona non-binaria - quando si veste dopo la doccia indossa come prima cosa la biancheria intima. A fare eccezione è una donna, molto seguita su TikTok, che sostiene di lasciare l'intimo nel cassetto da diversi anni. Leah Kenyon è una donna americana ma questo è un tema universale nel verso senso della parola. Un piccolo cambiamento nella routine, a dire della donna, ha portato a grandi miglioramenti nella sua vita. A suo modo di vedere, lo stress è diminuito enormemente.

Questa donna non indossa la biancheria intima da anni e sostiene che il suo stress è diminuito enormemente.
Questa donna non indossa la biancheria intima da anni e sostiene che il suo stress è diminuito enormemente.

"Da quando non indosso l'intimo, respiro meglio. E lo intendo in tutti i sensi. Per davvero", ha dichiarato. Insomma, il fatto che alcune parti del corpo molto sensibili non siano 'costrette' da mutande e reggiseni ha portato a un significativo miglioramento della sua salute mentale. "Non tornerò più indietro, ve lo assicuro. Ogni singola parte del mio corpo respira meglio e ne sento i benefici a livello mentale. Sono molto meno stressata di prima". Una donna le ha chiesto se eviti di indossare l'intimo anche quando mette i jeans. "Assolutamente sì. Non è scomodo come dicono. Soprattutto, non lo è se i tuoi jeans sono della giusta taglia". Proprio questo è il dettaglio che fa la differenza: "Se compri i vestiti della taglia giusta, non sentirai alcun fastidio evitando di indossare l'intimo".

Non indossare la biancheria intima: pregi e difetti secondo la scienza

Ok, c'è una influencer su TikTok che sostiene di non indossare la biancheria intima. Ma, dal punto di vista scientifico, quali sono i pro e i contro di questa scelta? Secondo un articolo del Business Insider, i pro superano i contro. In primis, evitando di indossare la biancheria intima, diminuiscono i rischi di infezioni, irritazioni e pruriti. Alcuni tipi di intimo fabbricati con materiali diversi dal cotone possono arrecare fastidi e infezioni, soprattutto dopo un'intensa sudorazione. Il consiglio, dunque, è di indossarli il meno spesso possibile. In generale, questi indumenti tendono a irritare le parti più sensibili degli organi femminili.

Al contempo, non mancano i lati negativi. Per chi soffre di incontinenza, le mutande rappresentano una 'barriera' con i pantaloni, evitando quindi macchie imbarazzanti causate da piccole perdite. Un altro punto a sfavore è che l'intimo è un importante filtro tra le zip e il resto del corpo. Non entriamo nei dettagli, ma chiudere la zip tra i peli pubici... non è la miglior sensazione del mondo. Come tutte le informazioni su Internet, se l'idea dovesse risultare interessante a te che stai leggendo, potresti provare a metterla in pratica per un periodo limitato di tempo. Al termine di una prova di alcuni giorni, potrai decidere se tornare alle vecchie abitudini o, se i risultati sono positivi, insistere.

LEGGI ANCHE: "Ci sono cinque parti del corpo che probabilmente non lavi a sufficienza", l'appello di una dottoressa

Lascia un commento