Striscia, Luca Abete scova un rivenditore di gas abusivo con una storia assurda: "L'ho già fatto"

Luca Abete è tornato a parlare di commercio illegale di bombole di gas GPL, e per il servizio trasmesso ieri da Striscia la Notizia si è recato a Ercolano, dopo aver ricevuto una serie di segnalazioni.

Chi ha seguito Striscia la Notizia nelle scorse settimane, saprà sicuramente che Luca Abete ha dedicato già una serie di servizi sul commercio illegale di bombole di gas domestico. L'inviato campano del tg satirico, ideato da Antonio Ricci, si è già recato presso diversi distributori di gas per automobili, presenti sia a Napoli che nei dintorni, per capire in che modo il gas viene inserito nelle bombole e venduto per altri scopi, di tipo prettamente domestico. In un caso, avevamo spiegato in questo articolo, il gestore di un distributore di gas aveva trovato un modo alquanto particolare per caricare le bombole di gas: una pistola che 'spara GPL dove non dovrebbe'.

Per il servizio di ieri, Abete si è recato a Ercolano, in provincia di Napoli, dopo aver ricevuto una serie di segnalazioni. Differentemente dagli scorsi servizi, il luogo segnalato non aveva le sembianze di un classico distributore di gas GPL per automobili, ma è un edificio in cui, secondo quanto spiegato nel servizio, già dal momento in cui ci si arriva, si noterebbero operazioni alquanto anomale. "Non si attinge, infatti, da un serbatoio, ma il riempimento avviene tramite una pompa, che veicola il gas da una bombola più grande a quella più piccola, portata dal cliente", ha spiegato l'inviato.

Striscia la Notizia: il nuovo servizio sui distributori illegali di gas GPL di Luca Abete a Ercolano

"Non lo potrei fare normalmente. Non potrei metterla qui dentro", ha spiegato il commerciante a una sua cliente, in un video mostrato da Abete. I prezzi del gas sono scritti su dei cartelli rudimentali, con la penna. "Sono decisamente più convenienti di quelli praticati dai rivenditori autorizzati, che secondo lui imbrogliano pure", ha spiegato Abete. Il commerciante abusivo di gas ha, altresì, cercato di rassicurare la cliente, dicendole che trasportare le bombole di gas in macchina e portarle a casa, e utilizzarle per rifornire l'abitazione, è sicuro. Sappiamo, naturalmente, che questa non è la verità: ed è per tale motivo che Abete si è recato di persona dal venditore.

luca-abete-gas-striscia-la-notizia-ercolano-pompe-di-benzina-distributori
Il sistema di distribuzione del gas. (Fonte: Striscia la Notizia - Mediaset - Canale 5).

"Ho già fatto otto anni di carcere per il gas", ha ammesso l'uomo, aggiungendo che l'alternativa sarebbe vendere la droga. "Non è normale. Lo so che è pericoloso, dobbiamo togliere da mezzo? E allora togliamo da mezzo!", ha continuato il venditore abusivo, accettando di interrompere l'attività. "Il sistema prevede l'utilizzo di una bombola grande, enorme, e un'elettropompa, che serve per trasferire da un bombolone a una bombola normale tutto il gas. Una pratica pericolosissima", ha spiegato Abete, aggiungendo di sentire anche l'odore di GPL, il quale potrebbe rivelare la presenza di piccole perdite, e l'odore di bruciato. Nei giorni seguenti, la Guardia di Finanza ha avviato le verifiche e ha chiuso il centro.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, gli rubano l'auto e non viene rimborsato dalla compagnia assicurativa: Moreno Morello presenta un caso paradossale

Lascia un commento