"Soffro di una sindrome rara e non posso sorridere: sono riuscita comunque a realizzare il mio sogno"

Una giovane donna che soffre di una sindrome rara non può sorridere, chiudere la bocca, gli occhi e in generale mostrare le proprie emozioni. Nonostante queste difficoltà, la 26enne è riuscita comunque a realizzare il proprio sogno.

Uno dei trucchi per ottenere più 'Mi piace' nelle foto sui social è sorridere. Mostarsi felici, quasi sempre, trasmetterà emozioni positive a chi guarda il post, portandolo a mostrare il proprio apprezzamento. Ecco perché quasi sempre gli/le influencer sorridono a trentadue denti nelle foto che pubblicano, soprattutto se sono contenuti sponsorizzati. Una creatrice di contenuti 26enne, Paula Paiva, fa l'influencer di professione nonostante non possa - letteralmente - sorridere. "Non posso sorridere, chiudere la bocca, chiudere gli occhi o mostrare alcuna emozione", ha dichiarato la ragazza in un'intervista a Jam Press. "Questa cosa mi provoca forte ansia", ha aggiunto.

"Ho una sindorme rara, che di fatto è una paralisi facciale", ha dichiarato in un video TikTok visto da oltre 400.000 persone. "Ho tutti i muscoli facciali, ma non funzionano. Sono paralizzati". In termini scientifici, la giovane soffre della sindrome di Moebius, che la rende incapace di sorridere o chiudere gli occhi. Paula è nata così e fin da bambina non ha potuto esprimere le proprie emozioni tramite espressioni facciali. Questa sindrome le ha causato gravissime complicazioni nei primi mesi di vita. "Sono finita in terapia intensiva. Mi hanno dovuta nutrire tramite tubicini perché non potevo bere il latte materno. All'epoca i medici non sapevano dare una diagnosi esatta. A mia madre dissero che avrei vissuto al massimo tre anni".

La ragazza con la rara sindrome che non le permette di sorridere

Dopo tre mesi di vita a una lunga serie di visite mediche, Paula Paiva ha scoperto di avere la sindrome di Moebius, ovvero un disturbo neurologico che causa paralisi facciali e l'impossibiltà di muovere gli occhi da un lato all'altro. A voler essere ancora più precisi, questo disturbo è causato dall'assenza o dal mancato sviluppo del sesto e del settimo nervo craniale, che controllano i movimenti dell'occhio e le espressioni facciali. Oggi ha 26 anni ed ha realizzato il suo sogno di diventare portavoce delle persone che hanno il suo stesso disturbo, oltre che lavorare a tempo pieno come influencer.

Paula soffre di una sindrome rara che le rende impossibile sorridere.
Paula soffre di una sindrome rara che le rende impossibile sorridere.

L'infanzia non è stata facile. "Ricevevo degli sguardi perplessi, battute cattive e commenti offensivi. Il periodo peggiore è stato quello dai 10 ai 12 anni. Sentivo cose brutte e mi sentivo male. Mi isolavo per evitare l'odio". Nel 2020, a 23 anni, ha iniziato a parlare pubblicamente della sua condizione, catturando l'interesse genuino di migliaia di persone in giro per il mondo. "Ancora oggi continuo a ricevere commenti offensivi, anche quando posto video semplici, di come mi aggiusto i capelli. Continuano a sputarmi odio addosso. Sono riuscita a realizzare il sogno di diventare una vera influencer, quindi è un piccolo prezzo da pagare. Oggi provo a ignorarli".

@paulafpaiva

Respondendo a pergunta que chega até mim TODOS os dias: “o que você tem?” 🤔 Eu tenho Síndrome de Moebius - uma síndrome rara! 🌟 #sindrome #síndrome #sindromerara #sindromesraras #sindromedemoebius #moebius #moebiuz #moebiusmonday #moebiussyndrome #moebiusmodels #moebiussyndromeawarenessday #paralisisfacial #paralisispermanente #paralisiafacialdebell #paralisianãoéofim #paralisiadeface #naopossosorrir #naosorri #sorriso #semsorrisinho #aceitacao #aceitação #motivação #motivacao #inclusao #inclusão #inclusion #inclusaosocial

♬ som original - Paula Paiva | INFLUENCER E UGC

LEGGI ANCHE: Il dipendente chiede il permesso per malattia, il capo si presenta a casa sua e lo minaccia così

Lascia un commento