Coppia pretende un posto in prima classe gratis per il figlio e ritarda la partenza dell'aereo: il finale è disastroso

Una coppia di coniugi ha creato un vero e proprio danno agli altri passeggeri di un aereo, quando ha iniziato a pretendere di andare gratis in prima classe. Il volo, inizialmente, è stato ritardato di alcune ore, ma il finale di questa storia è, se possibile, ancora peggiore.

In aereo, spesso, succedono episodi clamorosi che diventano notizie per i giornali online. Durante le festività natalizie, in tutto il mondo il traffico aereo è particolarmente intenso, molto di più rispetto al resto dell'inverno. Visto l'aumento dei voli e dello stress, non è raro leggere di storie curiose capitate in questo periodo. Il 30 dicembre un volo sarebbe dovuto partire da Chengdu a Pechino alle 11 del mattino. Il caos si è scatenato quando un bambino, che era da solo, ha iniziato a piangere a dirotto. Il passeggero seduto di fianco a lui ha chiesto l'intervento degli assistenti di volo.

In aereo, spesso, succedono episodi clamorosi, specie nei periodo di traffico intenso.
In aereo, spesso, succedono episodi clamorosi, specie nei periodo di traffico intenso.

Dopo un breve controllo, si è scoperto qualcosa di oggettivamente clamoroso: i genitori del bambino erano in prima classe, mentre a lui avevano acquistato un biglietto per la classe inferiore. A quel punto, il padre del piccolo ha chiesto allo staff di trasferirlo in prima classe, senza alcun sovrapprezzo. L'uomo lo ha "preteso" perché, a suo dire, aveva già pagato due biglietti dal prezzo elevato e che il terzo gli spettava gratis di diritto. Come prevedibile, la richiesta non è stata accolta. Nel frattempo, l'aereo non partiva perché non tutti i passeggeri erano seduti.

Coppia pretende un posto in prima classe gratis per il figlio e blocca la partenza dell'aereo

Alcuni passeggeri si sono alzati per invitare l'uomo a smetterla e permettere a tutti di partire. Quest'ultimo ha ribattuto che la colpa non era sua ma dello staff, che non gli ha voluto dare un biglietto gratis per il figlio. Un addetto alla sicurezza dell'aeroporto lo ha trascinato fisicamente in prima classe per provare a convincerlo a sedersi, ma l'uomo ha ribattuto: "Non sei nessuno per darmi degli ordini". Dopo oltre tre ore di battibecchi, quando la situazione era prossima a precipitare, alla fine è intervenuta la polizia, che ha ammanettato l'uomo e l'ha portato via. Tutto bene quel che finisce bene? No, perché la compagnia poco dopo ha deciso di cancellare il volo.

A bordo c'erano circa 300 passeggeri, che hanno dovuto trovare soluzioni alternative per raggiungere la loro destinazione. Un passeggero che ha chiesto di rimanere anonimo ha dichiarato: "Hanno detto che la cancellazione era dovuta al maltempo, ma è evidente che non è così". Un altro commentatore ha offerto una soluzione comoda e a costo zero: "Avrebbe potuto prendere il posto del figlio e mandare lui in prima classe con sua moglie". Altri hanno criticato gli assistenti di volo, che per tre ore hanno permesso al soggetto in questione di tenere (metaforicamente parlando) loro e 300 passeggeri in ostaggio per via di una richiesta assurda. Questo è uno dei pochi video esistenti:

LEGGI ANCHE: Uomo rimane intrappolato nel bagno dell'aereo, gli assistenti di volo gli danno questo bigliettino

Lascia un commento