"Faccio un secondo lavoro pericolosissimo, ma nessuno mi crede", influencer sorprende tutti

Una influencer che dà consigli per l'allenamento perfetto ha ammesso di svolgere un lavoro "pericolosissimo", affermando come sia uno dei più rischiosi al mondo. Essendo una donna oggettivamente molto bella, in pochi credono che faccia un mestiere simile. Eppure ci sono prove inoppugnabili.

Molti di noi usano i social tutti i giorni, consumando contenuti di vario genere. Un settore che sembra non entrare mai in crisi è quello delle influencer. Sempre più belle donne, giovani e meno giovani, dispensano consigli su come truccarsi, come vestirsi, come mangiare e come allenarsi in palestra. A questa categoria appartiene Amalie Elea Olin Lundstadt, una donna svedese che ha un ottimo seguito sui social. Di recente, ha sorpreso i suoi follower raccontando di come svolga anche un secondo lavoro, che a suo dire è tra i più pericolosi al mondo.

Spesso, infatti, la vediamo in palestra che indossa abiti da allenamento che mettono in risalto il suo fisico asciutto. Non solo: i suoi capelli sono sempre curati, così come le sue unghie; la pelle è spesso abbronzata e in generale l'aspetto è quello di una donna che si cura. Molti pensano che quello dell'influencer e personal trainer sia il suo lavoro principale. In realtà quello da cui guadagna di più è un altro, di natura totalmente diversa. Di recente, infatti, ha ammesso di lavorare anche come operaia in una piattaforma petrolifera.

La influencer che ha un secondo lavoro "tra i più pericolosi al mondo"

In un video, ha spiegato di avere una laurea in tecnologie energetiche e che per un periodo ha svolto un tirocinio presso una piattaforma petrolifera. Successivamente, la donna ha trovato lavoro presso una piattaforma nel mare del Nord - per l'esattezza in Norvegia - dove trascorre due settimane consecutive di lavoro per poi riposare sette giorni. Amalie ha citato una ricerca recente, secondo cui negli ultimi dieci anni ci sono stati 1654 infortuni e oltre 4000 incidenti (oltre a qualche decesso) tra gli operai delle piattaforme petrolifere. "Quasi nessuno mi crede quando glielo dico, ma è la verità. Amo questo lavoro, ho studiato e sudato tanto per ottenerlo".

La influencer ha un secondo lavoro che poche donne svolgono: quello di operaia in una piattaforma petrolifera.
La influencer ha un secondo lavoro che poche donne svolgono: quello di operaia in una piattaforma petrolifera.

In una serie di video, ha mostrato le difficoltà di questo mestiere, come quello di indossare abiti da lavoro estremamente ingombranti, oppure il fatto che ogni turno possa durare fino a 12 ore. Non solo: la privacy scarseggia, dato che spesso dorme nello stesso letto di una persona (quasi sempre uomo) che inizia il turno dopo di lei. Altre volte, riesce ad avere una cabina tutta per sé, con la relativa privacy. A suo dire, è un lavoro "divertente" malgrado i rischi. "Mi godo i tramonti quando posso, imparo cose nuove e guadagno bene", ha assicurato. Non tutti - uomini o donne - sono adatti a lavorare in una piattaforma petrolifera, ma Amalie aveva quando sogno da quando era giovanissima ed è riuscita a realizzarlo. Qui è possibile dare uno sguardo alla sua cabina:

@lifeofamalie

My cabin 🌊⭐️ #oilrig #oilrigworker #offshorelife #nordsjøarbeider

♬ som original - william9245

LEGGI ANCHE: "Guadagno 80.000€ l'anno: ho un lavoro che nessuno vuole fare e ho iniziato con zero esperienza"

Lascia un commento