Striscia, buone notizie per chi ha attivato un mutuo in passato: per Moreno Morello potrebbero arrivare presto dei rimborsi

Giungono ottime notizie per chi ha attivato un mutuo tra il 2005 e il 2008: Moreno Morello, inviato di Striscia la Notizia, rivela che potrebbero arrivare presto dei rimborsi. Scoprite perché nel nostro articolo.

L'edizione attuale di Striscia la Notizia, la trentaseiesima, si intitola 'La voce della veggenza'. E, in effetti, il tg satirico ideato da Antonio Ricci è noto per avere, spesso, previsto degli sviluppi di casi analizzati, anni prima che questi si verificassero. E il caso di cui ha parlato Moreno Morello nel servizio di ieri sera è un esempio di quanto appena detto: nel 2016, infatti, l'inviato aveva previsto che i clienti che avevano attivato dei mutui tra il 2005 e il 2008, avrebbero potuto ricevere dei rimborsi per delle spese ingiuste, sostenute a causa dei problemi che alcune banche europee avevano creato, manipolando i tassi di interesse Euribor in quegli anni. Si precisa: non solo i clienti delle banche europee 'colpevoli', ma anche di quelle che non avevano partecipato alla manipolazione del tasso, ma che l'avevano applicato ai mutui.

Ma andiamo con calma. Nel 2016, Moreno Morello aveva realizzato un servizio, in cui aveva spiegato che, tra il settembre 2005 e il maggio del 2008, alcune grosse banche europee avevano 'taroccato' i tassi di interesse, concludendo un accordo illecito. In quel periodo, ha spiegato l'inviato, anche le banche italiane, che non avevano partecipato all'accordo illecito, avevano applicato inconsapevolmente il tasso di interesse determinato e manipolato a monte dall'accordo illecito. "Se un giudice italiano prendesse atto di quei provvedimenti europei, e decidesse di mettere in discussione i tassi, ricalcolandoli, potrebbero generarsi rimborsi che alcuni giornali ipotizzano imponenti", aveva previsto Morello. E quella decisione, alla fine, è arrivata.

Striscia la Notizia: il servizio di Moreno Morello sui rimborsi per chi aveva attivato un mutuo tra il 2005 e il 2008

La Corte di Cassazione, infatti, ha confermato che tutte le banche che hanno applicato il tasso Euribor manipolato, anche di quelle che non partecipano alla determinazione giornaliera della misura del tasso. "Quindi, la Suprema Corte di Cassazione ha detto che, adesso, quelle condizioni saranno considerate nulle. Stiamo a vedere la conseguenza di quella nullità", ha detto il Dottor Gennaro Baccile, dell'Associazione SOS Utenti APS. Morello ha spiegato, in effetti, che adesso, quei tassi pagati in quegli anni, potrebbero essere adesso ricalcolati, a vantaggio dei risparmiatori e dei consumatori.

striscia-la-notizia-moreno-morello-banca-mutuo-servizio
Un frammento dal servizio del 2016. (Fonte: Striscia la Notizia - Mediaset - Canale 5).

"Molti consulenti e associazioni stanno elaborando calcoli su quanti quattrini potrebbe, mediamente, recuperare un debitore vittima di un Euribor taroccato. Ma i calcoli sono molto differenti da esperto ad esperto", è stato spiegato. Bisognerà, dunque, capire quale operatività concreta potrebbe trovare questa decisione della Suprema Corte di Cassazione. Morello ha, però, raccomandato ai clienti di valutare bene, anche insieme a un consulente, quali dovessero essere i costi per incardinare un'azione di questo tipo. "Bisogna vedere quanto si potrebbe recuperare e fare attenzione a quanto si potrebbe spendere", ha spiegato Morello. Attendiamo ulteriori dettagli e aggiornamenti.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, gli rubano l'auto e non viene rimborsato dalla compagnia assicurativa: Moreno Morello presenta un caso paradossale

Lascia un commento