Costruisce una Torre Eiffel con 700.000 fiammiferi si vede negare il record mondiale: i motivi

Un uomo ha costruito una Torre Eiffel in miniatura usando 700.000 fiammiferi. Un'opera straordinaria, nel vero senso della parola. Eppure il 47enne si è visto negare l'ingresso nel Guinness World Record. Ecco la sua impresa e i motivi del 'no' al record mondiale.

Molte persone sognano di entrare nella storia. Ci sono diversi modi per farlo. Uno di questi è iscrivere il proprio nome nel libro del Guinness World Records. Un uomo francese ha avuto un'idea sui generis - come d'altronde lo sono la maggioranza di quelle presentate a contest simili - per riuscirci. Molto semplicemente (siamo ironici), ha costruito una Torre Eiffel di 7 metri usando 700.000 fiammiferi. Il suo nome è Richard Plaud, ha 47 anni e ha voluto omaggiare uno dei simboli di Parigi creandone una replica usando bastoncini sottilissimi di legno.

Il post con cui l'uomo francese annuncia l'esclusione della sua Torre Eiffel dal Guinness World Records
Il post con cui l'uomo francese annuncia l'esclusione della sua Torre Eiffel dal Guinness World Records

Come se non fosse già abbastanza un'opera clamorosa, l'uomo ha ammesso di aver impiegato otto anni per realizzarla. Possiamo solo immaginare la soddisfazione provata dopo aver posizionato l'ultimo fiammifero e aver, di fatto, completato l'opera. Soddisfazione che, ben presto, si è trasformata in frustrazione. L'uomo ha inviato tutta la documentazione al comitato di Guinness World Records, ma ha ricevuto un "no" come risposta alla richiesta di entrare nei loro libri. Il motivo? "I fiammiferi utilizzati non sono disponibili in commercio e la loro forma è stata modificata eccessivamente per realizzare l'opera". Per questi motivi, la speciale Tour Eiffel non è stata presa in considerazione.

Costruisce una Torre Eiffel con 700.000 fiammiferi ma non entra nel Guinness World Records

L'uomo, che ha creato una pagina Instagram per raccontare i progressi della sua opera d'arte, ha pubblicato un lungo sfogo per contestare la decisione del comitato. "I giudici hanno dato il loro verdetto senza neanche venire a vedere di persona la mia opera. Hanno detto che i fiammiferi che ho usato devono essere disponibili in commercio. Non essendolo, li hanno considerati sospetti e per questo hanno scartato la mia proposta. Ditemi com'è possibile mettere 706.000 pezzi insieme e non considerarli fiammiferi? Sono tagliati al punto di essere irriconoscibili? Non capisco", è il sunto delle dichiarazioni del francese.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da richard Plaud (@toureiffelallumettes)

Malgrado la cocente delusione derivante dall'esclusione, molti utenti di Instagram lo hanno applaudito virtualmente. "Congratulazioni. Hai creato un'opera d'arte e questo è quello che conta" è uno dei commenti consolatori con più 'Mi piace'. L'uomo, smaltita la delusione, ha dichiarato qualche giorno più tardi: "Gli inglesi ragionano in maniera diversa. La mia torre è alta 7.19 metri e rimarrà così a lungo". Con ogni probabilità, rimarrà un pezzo da collezione davvero unico con cui potrà intrattenere gli ospiti. O, forse, riproverà a portarla al Guinness World Records in futuro, sperando che i nuovi giudici siano meno severi.

LEGGI ANCHE: "Siamo le gemelle più anziane del mondo: qual è il segreto per arrivare a 104 anni come noi"

Lascia un commento