"Vivo in ostello da sei mesi con mia figlia neonata e altre 30 persone: vi racconto com'è"

Una donna di 26 anni ha ammesso di aver vissuto per gli scorsi sei mesi in un ostello, insieme alla figlia neonata. Nella struttura ci sono altre 30 persone e la cucina è condivisa con altre nove famiglie.

Un bambino dovrebbe trascorrere i primi anni della sua vita in un ambiente sicuro, caldo e luminoso. Purtroppo, però, non sempre è così, anche nei paesi che sono considerati benestanti. Che dopo Brexit il Regno Unito non stia vivendo un periodo economico florido è noto a tutti. La conferma arriva dalla storia di Sophie Howard, 26enne che ha perso la casa poco dopo aver partorito. Non sono chiare le circostanze che l'hanno resa senzatetto per alcuni giorni. La giovane, non potendo vivere per strada con la figlia di pochi mesi, ha subito chiesto aiuto agli assistenti sociali di Londra, che per sua fortuna hanno trovato una soluzione temporanea, in attesa di ricevere un alloggio popolare.

Alcuni scorci dell'ostello dove la 26enne vive con la figlia di pochi mesi.
Alcuni scorci dell'ostello dove la 26enne vive con la figlia di pochi mesi.

La neo-mamma e la figlia neonata Harlie hanno trascorso una settimana in un albergo. Al termine del soggiorno, è stata offerta loro la possibilità di trasferirsi in maniera semi-permanente in un ostello. La giovane mamma ha raccontato la sua storia e mostrato il luogo che la ospita. "Dormiamo in una stanza in un piano dell'ostello che ospita altre 30 persone. Per fortuna abbiamo un bagno privato tutto nostro. La cucina la dividiamo con altre nove famiglie. A cena capita spesso che tutti ne abbiano bisogno contemporaneamente e può essere molto scomodo". Discorso simile per la lavanderia: "È l'unica per 30 persone. Chiunque può accedervi, quindi può capitare che per una lavatrice io debba fare la fila".

La neo-mamma che vive in ostello con la figlia neonata

Nel video, la 26enne mostra anche la sua stanza, decorata con tanto beige e un piccolo tavolino. "Cerco di renderla carina, per quanto possibile. Abbiamo provato a farla assomigliare alla stanza di una casa indipendente. Non mi dispiace affatto così". Sophie ha cercato e cerca in tutti i modi di vedere il lato positivo della faccenda: "In queste situazioni devi apprezzare ciò che hai e non pensare a quello ti manca. Dormo con un tetto sopra la mia testa. Molto meglio trovarmi qui che per strada", ha dichiarato in un video che oggi è vicino a superare i 2 milioni di visualizzazioni.

@_sophielhoward

Living in a hostel/temporary accomadation✨ #fyp #foryou #babygirl #motherdaughter #8monthsold #baby #firsttimemom #hostellife #homeless #temporaryaccommodation #hostel #tempaccommodation

♬ People Help the People - Birdy

Nei commenti al video, si legge un po' di tutto. C'è chi commenta l'ostello, definendolo "non l'ideale", per quanto "pulito e ordinato". Altri le augurano che nel 2024 la 26enne riesca finalmente a trovare una casa tutta sua per lei e la figlia di pochi mesi. Qualcun altro fa notare che non è l'unica mamma in questa posizione, commento a cui Sophie risponde: "Vero, ed è molto triste". Un altro utente le chiede se non abbia familiari che possano ospitarle, a cui ribatte: "Non hanno spazio per me e mia figlia". A chi le chiede maggiori dettagli sulla cucina, fa sapere: "Ho un microonde e una friggitrice ad aria che sono mie. La cucina la uso per lavare i piatti e per il piano cottura".

LEGGI ANCHE: "Vivo nella soffitta di un anziano con mio figlio di otto mesi per risparmiare sull'affitto"

Lascia un commento