Donna delle pulizie denuncia il suo capo: "Mi hanno licenziata per un errore banalissimo"

Una donna delle pulizie ha denunciato il suo datore di lavoro, accusato di averla licenziata per un errore banalissimo. La battaglia legale tra i due è appena iniziata e si prospetta molto lunga.

Le tutele per i lavoratori esistono nella quasi totalità dei paesi mondiali. Al contempo, le storie di licenziamenti dubbi arrivano anche dai paesi che, in teoria, sono più avanzati culturalmente. Nelle ultime ore in Inghilterra sta facendo molto discutere la storia di una cameriera di 39enne licenziata da un'azienda per un episodio avvenuto a fine novembre 2023. Il motivo? La donna aveva mangiato un panino lasciato dai componenti di un meeting lavorativo che si era tenuto nell'ufficio di un grosso studio legale. Gabriela Rodriguez, nata in Ecuador ma residente da tempo a Londra, ha accusato di licenziamento ingiusto l'azienda 'Total Clean', con sede nella capitale inglese, incaricata di effettuare le pulizie negli uffici in questione.

La Rodriguez, quella sera, su una delle scrivanie ha trovato un sandwich al tonno intatto, lasciato dai partecipanti alla riunione e l'ha messo da parte per consumarlo a fine turno Stando ai tabloid britannici, è un pasto che viene venduto a 1.50£ (circa 2€). Tanto è bastato per avviare le pratiche del licenziamento. Dal canto suo, lo studio legale al Daily Mail ha assicurato di "non aver presentato alcuna lamentela" contro la lavoratrice e di aver "chiesto espressamente alla ditta di pulizie" di non prendere provvedimenti nei suoi confronti. Non è servito: 'Total Clean' ha licenziato in tronco la 39enne ecuadoregna per aver violato il regolamento, che impone ai propri dipendenti di non portare via o consumare cibo al momento delle pulizie. Un gesto simile è considerato "furto" nel regolamento interno.

La donna licenziata per un piccolo errore porta l'azienda in tribunale

Il caso ha suscitato l'interesse la 'United Voices of the World Union', un'associazione sindacale che rappresenta i lavoratori migranti nel Regno Unito. Su Facebook, la UVWU ha annunciato che, d'accordo con Gabriela, intraprenderà azioni legali contro Total Clean. "Gabriela è una madre single che è stata licenziata poco prima di Natale del 2023 con le accuse di furto. Ha preso un sandwich al tonno dal prezzo di 1.50£ lasciato da alcuni avvocati dopo una riunione e per questo è stata licenziata. La motivazione è ridicola e noi del sindacato non ci tireremo indietro, combattendo contro questa ingiustizia". Gabriela ha dichiarato di essere ancora "arrabbiata" per quanto successo e per il modo in cui è stata trattata.

La protesta del sindacato per la donna ingiustamente licenziata. Credits: United Voices of the World the union - Facebook
La protesta del sindacato per la donna ingiustamente licenziata. Credits: United Voices of the World the union - Facebook

"Ho messo il panino nel frigorifero per mangiarlo a fine turno. Pensavo di avere il diritto di mangiarlo, essendo una persona che lavora nell'edificio. Mi hanno licenziato in modo orribile, accusandomi di furto. Ho solo mangiato un piccolo sandwich che quasi sicuramente sarebbe finito nell'immondizia", ha dichiarato. Un portavoce di 'Total Clean' ha risposto con un lungo giro di parole, pubblicato da 'The Guardian'. In estrema sintesi, l'azienda sostiene che l'ex dipendente ha fatto dichiarazioni "false e ingannevoli" e che il licenziamento, giunto al termine di "approfondita investigazione", non viola alcuna legge vigente nel Regno Unito. Poche ore fa, è avvenuta questa protesta simbolica:

LEGGI ANCHE: "Sono stata licenziata perché troppo brava nel mio lavoro", il racconto di una donna

Lascia un commento