"Il mio capo mi ha mancato di rispetto e mi sono licenziato subito", il racconto è virale

Un uomo ha dichiarato di essersi licenziato "con effetto immediato" dopo che il suo capo gli ha mancato di rispetto. Per l'esattezza, lo ha mandato a quel paese senza un motivo apparente.

A meno che non si sia ricchi di famiglia, di questi tempi è essenziale lavorare per potersi permettere tutti gli agi della vita moderna. Eppure, ogni giorno, nel mondo vengono inviate decine di migliaia di lettere di dimissioni spontanee. Cosa spinge una persona a licenziarsi? Quasi sempre c'entra l'insoddisfazione. Ci si può sentire poco stimolati, sottovalutati o non apprezzati. Altrettanto comuni sono i conflitti con i colleghi o con i superiori, talvolta insanabili. Altre volte ancora la 'colpa' è da attribuire a problemi personali esterni al lavoro, che influenzano negativamente l'umore e rendono insopportabili i carichi di lavoro 'normale', per non parlare di quelli straordinari.

Insomma, nonostante la maggioranza delle persone adulte abbiano bisogno di un lavoro, in certi casi una pausa può solo fare bene al fisico e alla mente. Sul web, si leggono spesso storie di licenziamenti al limite dell'assurdo e di richieste altrettanto incomprensibili da parte dei superiori ai dipendenti. Su Reddit, social network frequentatissimo a livello mondiale, compaiono spesso storie che poi diventano virali su altri social media e talvolta articoli di giornale. L'ultima riguarda le dimissioni "immediate" di un lavoratore, che aveva ricevuto un insulto da parte del capo nel corso di una telefonata. La semplice mancanza di rispetto ha convinto l'uomo a rinunciare alla stabilità economica che deriva dall'avere un lavoro full time.

"Mi sono licenziato perché il mio capo mi ha mancato di rispetto"

L'utente, con ogni probabilità, scrive dall'Irlanda, dato che il suo username è CrazieIrish. Su Reddit quasi tutti usano nickname generici per non essere riconoscibili. Proprio perché non cercano attenzioni, le storie che raccontano sono praticamente sepre vere. L'autore del post ha spiegato come il suo datore di lavoro gli abbia scritto: "F**k off" al termine di una telefonata, che è l'equivalente volgare dell'italiano "vai a quel paese". Insomma, ci siamo capiti. Per colpa di una mancanza di rispetto, ha spedito questa mail per dimettersi. Stando all'autore del post, nelle 24 ore successive non ha ricevuto risposta.

La lettera con cui l'uomo si è licenziato, spedita al suo capo.
La lettera con cui l'uomo si è licenziato, spedita al suo capo.

Gli utenti di Reddit hanno chiesto maggiore contesto all'OP, che ha risposto brevemente. Si capisce che è stato un litigio oggettivamente futile, con gravi conseguenze per l'equilibrio aziendale. "Lavoravo da casa. Ho chiamato il mio capo per farmi aiutare a configurare il nuovo PC aziendale ed effettuare gli accessi. Mi ha detto che avrei dovuto farlo nel mio giorno libero e che gli stavo facendo perdere tempo. Io gli ho risposto che non lavoro gratis e lui mi ha detto di andare a farmi fo**tere. Subito dopo gli ho detto che avrei presentato le dimissioni e gli ho inviato questa e-mail". Il commento con più voti a favore recita: "Avresti dovuto scrivergli: 'Grazie per il feedback, Anthony. Ho deciso di seguire il tuo consiglio e quindi vado a farmi fo**tere immediatamente". Altri apprezzano il coraggio e gli augurano di godersi le prossime settimane con tanto tempo libero a disposizione.

LEGGI ANCHE: Cameriera viene licenziata dopo che uno sconosciuto aveva lasciato 10.000$ di mancia: i motivi

Lascia un commento