Vince 22 milioni alla Lotteria e spiega come non è impazzito: "Gli altri commettono un grave errore"

Un uomo che diversi anni fa ha vinto 22 milioni alla Lotteria ha spiegato qual è il modo per mantenere la sanità mentale (sic) dopo una vittoria simile: c'è un errore da non commettere.

Le poche persone che possono dire di aver vinto uno o più milioni di euro alla Lotteria sono quasi tutte accomunate da una decisione: lasciare il proprio lavoro. D'altronde, moltissime persone lavorano per lo stipendio, non perché traggano piacere nel farlo. Tuttavia questo è un errore secondo un diretto interessato. Mark Gardiner, in un'intervista esclusiva al Daily Mail, ha raccontato come a metà Anni '90 abbia vinto oltre 22 milioni alla National Lottery del Regno Unito. La vincita è stata divisa a metà con un uomo che gestiva insieme una piccola ditta che produceva vetro, Paul Maddison. Quest'ultimo ha subito annunciato la sua decisione: lasciare la ditta e godersi gli oltre 11 milioni di sterline.

Mark no. "Non so se fosse nervosismo, paura dell'ignoto, ma non ho avuto dubbi e deciso che avrei continuato a lavorare. Mi sono aggrappato a una certezza. Non volevo subito lasciare il lavoro. Volevo prendermi del tempo prima di prendere una decisione: settimane, mesi, non lo so". Oggi l'uomo ha 61 anni e gestisce ancora la stessa ditta fondata nel 1991, quattro anni prima del 1995, l'anno in cui la sua vita è cambiata. All'intervistatore del tabloid britannico ha confidato: "Oggi non lavoro, ma solo perché sono con te. Se c'è un giorno di sole, riposo. Non ho debiti e sono felice del mio conto in banca. Così non sono impazzito e ho preservato la mia sanità mentale".

Vinse 22 milioni alla Lotteria ma non ha fatto l'errore di lasciare il lavoro

L'uomo vive in una casa di lusso con piscina, diverse auto da corsa, una casa di proprietà nelle Barbados e perfino uno yacht. Tuttavia, non ha speso tutta la cifra, una cui parte rimane sul suo conto corrente bancario. Chi si interessa di queste storie sa bene che molti vincitori della Lotteria hanno visto il proprio matrimonio andare a pezzi, litigato con familiari o fatto investimenti sbagliati. C'è perfino chi ha dichiarato di voler tornare indietro e non vincere così tanti soldi. Mark ammette: "Quando ho vinto, la mia azienda non rischiava il fallimento. Avevamo tre dipendenti e potevamo andare al pub di venerdì sera. Come altre ditte, c'erano periodi negativi in cui avevamo poche sterline sul conto corrente".

Mark e Paul nel giorno in cui hanno vinto 22 milioni di sterline alla Lotteria
Mark e Paul nel giorno in cui hanno vinto 22 milioni di sterline alla Lotteria

"Ti danno i soldi e basta. Non ti forniscono un manuale su come spenderli. Sono tuoi". Quando il suo nome è diventato 'famoso' nel Regno Unito, sono successe cose curiose. "Ho ricevuto decine di lettere da parte di ragazze che mi chiedevano di sposarle. C'erano le loro foto nella busta e il loro numero". Ovviamente anche vecchie conoscenze sono tornate a farsi sentire: "Familiari, ex fidanzate, ex colleghi, tutti pretendevano qualcosa da me. Il compagno di mia madre mi ha chiesto dei soldi perché avevano ricevuto troppa pubblicità per colpa mia. La mia ex mi ha fatto causa". Mark ammette di aver comprato una casa ai suoi pochi amici stretti. "Era per avere delle persone fidate. Uno alla volta, tutti mi hanno abbandonato. Anche Paul, con cui avevo condiviso la vincita, è andato in Scozia, ha comprato una proprietà nelle campagne e ha vissuto come un recluso. So che è morto l'anno scorso in circostanze misteriose. Non ci parlavo da 28 anni. Ancora non capisco perché abbia interrotto ogni rapporto con me. Prima della vincita eravamo soci e amici"

LEGGI ANCHE: Coppia vince 1 milione alla Lotteria, poi la fidanzata fugge con i soldi e lui rimane senza un centesimo

Lascia un commento