"Vivo in un villaggio remoto con una sola strada: vi racconto pregi e difetti"

I misantropi e gli introversi sognano di andare a vivere in un villaggio remoto, lontano da tutti e tutto. Una donna l'ha fatto e oggi può raccontare quali sono i pregi principali (e i difetti) derivanti da questa scelta di vita.

C'è chi sogna di vivere in un vilaggio remoto e chi è consapevole che una vita intera lontano da tutti e tutto metterebbe alla prova anche il più introverso degli esseri umani. Ecco perché molti si limitano a trascorrere qualche giorno di vacanza in luoghi isolati per tornare felicemente al trambusto della città. Una donna di nome Ema, però, ha fatto una scelta di vita precisa e si è trasferita presso un villaggio isolato nel vero senso della parola. Sì, proprio uno di quei luoghi immersi nel verde, tra rocce altissime e castelli medievali. La fotografa vive sull'isola di Skye, in Scozia, nota per i suoi paesaggi aspri e una nutrista presenza di castelli.

Da questo villaggio di pescatori le vedute sono stupende e la compagnia non è tanta. Secondo Wikipedia, i residenti ufficiali sono appena 10.000 per un territorio di oltre 1600 metri quadrati. D'estate, la popolazione aumenta a dismisura, dato che moltissimi britannici (e non solo) la scelgono come meta per le proprie vacanze. Essendo un'isola come tante del mare del Nord, che d'inverno conta pochi residenti, non vanta certo le stesse infrastrutture di Londra. Come spiega Ema, nel villaggio dove vive lei c'era una sola strada che la collega con il resto dell'isola. Questo non è necessariamente un pregio, secondo chi ci trascorre 365 giorni l'anno.

La donna che si è trasferita in un villaggio remoto

"Quando è cattivo tempo, la situazione è realmente problematica. Alcune strade si allagano ed è impossibile guidare. Di recente, in un giorno di venti e temporali violentissimi, c'è stata una frana che ha bloccato tutto", racconta Ema. Il lato positivo è che è diventata impossibilitata a recarsi al lavoro ed ha ottenuto un giorno di festa inatteso nel bar dove lavora. "Vivere in una località remota come questa ha tanti pregi ma anche qualche grande difetto. C'è una sola strada. Se capita una frana, non puoi letteralmente uscire. Ci sono alberi ovunque e quando il vento è forte, unito alla pioggia, diventa ancora più spaventoso per il pericolo di crolli. Le allerte meteo per pioggia, vento e neve contribuiscono un po' ad alleviare la mia ansia".

Alcuni scatti dal villaggio remoto scozzese dove Ema vive.
Alcuni scatti dal villaggio remoto scozzese dove Ema vive.

"Considerando che a fine giornata puoi arrivare a casa, rimanere sul divano a bere caffè, metterti comoda e avere una scusa perfetta per non andare al lavoro... direi che non è male", aggiunge. Un altro aspetto che la donna apprezza tantissimo è la presenza di mucche, che spesso e volentieri camminano liberamente per l'isola e si lasciano accarezzare dai passanti. Ema è sicuramente una di queste. Nei commenti, quasi tutti mostrano il loro apprezzamento. "Lavoro come dentista e il mio sogno è vivere in un piccolo cottage nella Scozia profonda". Un altro utente scrive: "Un periodo lì mi curerebbe l'anima". Altri hanno visitato l'isola di Skye come turisti e confermano che è "stupenda" e che ha "scenari che non sembrano di questa Terra".

@earth.to.ema

A wholesome sunday with me living on the Isle of Skye in the Scottish Highlands 🤎☕️✨🍂🧣 #spendthedaywithme #isleofskyescotland #isleofskye #cosyvibes #cosyaesthetic #quietlife #rurallifestyle #rurallife #cottagecore #scottishhighlands #countrycore #simplelife #cafegirl #coffeecorner #wholesome

♬ Everything Reminds Me Of You - Take Care

LEGGI ANCHE: "Vivo in Alaska e non ho acqua corrente in casa: ecco come faccio le pulizie e vado in bagno"

Lascia un commento