Effettua una consegna di cibo e riceve una multa: lo sfogo di una giovane

Una giovane ha effettuato una consegna di cibo e si è vista comminare una multa per divieto di sosta. La ragazza pensava di aver parcheggiato in un posto libero, ma non è così. La beffa? La mancia molto bassa, che non la aiuterà affatto a pagare la sanzione.

Il 2020 e il 2021 non sono stati anni normali. Per effetto delle pesanti restrizioni anti-Covid, molte "amate libertà" (cit.) ci sono state precluse a lungo. In quei mesi, era diventato anormale anche andare al ristorante per mangiare con servizio al tavolo. Le app che permettono di ordinare cibo a domicilio avevano già visto un aumento degli utenti mensili negli anni precedent, ma tra 2020 e 2021 hanno conosciuto una vera e propria esplosione di nuovi iscritti. Chi non poteva lavorare per via delle restrizioni anti-Covid si è dovuto reinventare fattorino, accontentandosi di paghe basse e sperando vivamente nelle mance per accumulare una cifra dignitosa a fine giornata.

Oggi che le restrizioni anti-Covid sono un ricordo dai contorni di un incubo, gli ordini di cibo a domicilio restano abbondanti nel nostro paese, specialmente nelle serate fredde. Un'app che in Europa non esiste ma che negli Stati Uniti è tra le più utilizzate in assoluto si chiama DoorDash. Tramite questo servizio, si ordina cibo dai ristoranti ma anche la spesa a domicilio, non necessariamente alimentare. Una donna che lavora come fattorino per guadagnarsi da vivere ha raccontato, tra le lacrime, la sua peggior giornata lavorativa di sempre. La giovane si sposta con l'auto per effettuare consegne e non con lo scooter o la bici, a differenza di molti altri.

Effettua una consegna di cibo ma riceve una multa: lo sfogo di una giovane

"Ho dovuto parcheggiare la mia auto fuori dal palazzo, per poi entrare e consegnare il cibo. L'ho lasciata in quello che mi sembrava un posto libero. Non volevo pagare il parcheggio, perché non posso permettermelo. Sarei rimasta quattro o cinque minuti, quindi ho pensato che non ci fossero problemi". Effettuata la consegna, si è incamminata verso l'auto, quando ha notato una persona in divisa che la stava multando. "Gli ho chiesto per favore di non multarmi, ero lì per fare una consegna e stavo per andare via". Purtroppo non è servito a nulla.

Lo sfogo della ragazza per la multa è stato ripreso da un tiktoker che commenta i video virali
Lo sfogo della ragazza per la multa è stato ripreso da un tiktoker che commenta i video virali

La donna ha ricevuto una multa di 80 dollari, poco meno di 75 euro, per divieto di sosta. "Il tizio ha detto che c'era bisogno di un pass residenti. Se sapete di vivere in un palazzo dove non c'è parcheggio, incontrate il vostro corriere all'esterno! Ho dovuto pagare 80 dollari di multa. Sapete quanto devo lavorare per guadagnarli? Anche perché la cliente mi ha dato 1$ di mancia!". Il tiktoker Vicoseven ha ripostato il video, dicendo di essere rimasto "colpito" dallo sfogo della ragazza, chiedendo ai follower un parere su quanto successo. I più puntigliosi hanno fatto notare che è un parcheggio privato e che la legge è sacra. Altri hanno suggerito di fare ricorso e di spiegare che un giudice (in America funziona così) più comprensivo potesse capire e annullare la sanzione. La morale è: siate più comprensivi e venite incontro - quando possibile - a chi vi consegna il cibo.

LEGGI ANCHE: "Meglio la multa per il divieto di sosta che il parcheggio privato": esperto spiega in quali casi

Lascia un commento