Striscia, in Brianza un centro massaggi non accetta clienti uomini: il servizio di Chiara Squaglia fa riflettere

Un centro massaggi, in Brianza, ha chiuso le porte a quasi tutti i clienti maschi: Chiara Squaglia, inviata di Striscia la Notizia, spiega perché e fa riflettere su una questione: si tratta di discriminazione al contrario, oppure no?

In Italia, ci sono diverse migliaia di centri massaggi. Molti di questi propongono i massaggi olistici, e cioè dei massaggi che, attraverso la manipolazione del corpo, e altri trattamenti simili, porterebbero a un benessere completo: un benessere, cioè, anche mentale, oltre che fisico. Si tratta di trattamenti appartenenti alla cosiddetta 'Medicina Olistica', e dietro questi trattamenti ci sono studi importanti e approfonditi.

Soprattutto, e questo è da sottolineare, i massaggi olistici non hanno alcun secondo fine, di natura diversa dal contribuire al benessere fisico e psicologico: nonostante ciò, però, ci sono alcuni clienti che fraintendono il significato di questi massaggi e, a volte, avanzano delle richieste assolutamente non consone. È il caso di alcuni clienti di un centro massaggi, situato nella provincia di Monza e Brianza: secondo quanto riportato da Chiara Squaglia, inviata di Striscia la Notizia, infatti, la proprietaria di questo centro avrebbe addirittura deciso di chiudere le porte a molti clienti maschi, eccetto quelli conosciuti o di cui sa di potersi fidare, dopo l'ennesima richiesta di un massaggio 'intimo'.

Un centro massaggi della Brianza non accetta clienti maschi: il servizio di Chiara Squaglia per Striscia la Notizia

Come si può leggere qui in basso, all'inizio del mese di febbraio, la titolare dello studio olistico ha pubblicato un post sulla pagina Facebook del centro, in cui si è detta costretta "a non accettare più clientela maschile", fatta eccezione per le persone che conosce direttamente. "Dalla telefonata mi veniva chiesto se, alla fine, era compreso il massaggio intimo. Che, ovviamente, non è compreso", ha specificato la titolare, ai microfoni di Chiara Squaglia. L'inviata del tg satirico ideato da Antonio Ricci ha, però, fatto una domanda alla titolare e, indirettamente, a tutti gli spettatori: "Questa scelta di escludere i clienti maschi può essere considerata una discriminazione al contrario?". Squaglia ha sottolineato, infatti, che qualcuno ha pensato che, se fossero state escluse le clienti donne, "sarebbe scoppiato un putiferio".

clienti-maschi-striscia-la-notizia-chiara-squaglia-cosa-succede-brianza-monza
Il post Facebook in questione. (Fonte: Striscia la Notizia - Canale 5 - Mediaset).

L'inviata si è, dunque, recata presso diversi centri della zona, per chiedere, prima di tutto, se le dipendenti avessero ricevuto richieste simili e, poi, se fosse giusto escludere i clienti maschi. Sfortunatamente, la risposta alla prima domanda è stata sempre la stessa: tutte le massaggiatrici, e persino un massaggiatore maschio, hanno ricevuto queste richieste. Sull'idea di escludere i clienti maschi, i pareri sono stati diversi: alcuni si sono detti d'accordo con la decisione di fare massaggi solo ai clienti conosciuti. Altri, invece, hanno considerato questa una decisione troppo drastica.

Le risposte degli intervistati

"Non posso, perché anche i maschi hanno bisogno di venire al centro massaggi olistico", ha dichiarato la titolare di un altro centro estetico. Successivamente, Squaglia ha intervistato alcuni uomini, per chiedere ai diretti interessati: anche in questo caso, alcuni hanno detto che la decisione è stata troppo drastica, e discriminatoria nei confronti degli uomini, e altri hanno sostenuto che non si tratta di una discriminazione, dato la gravità delle richieste dei clienti. "La lotta per la parità di genere ci vede sempre in prima linea. Proprio per questo, ci auguriamo che i diritti delle donne vengano sempre rispettati, senza ledere al contempo quelli degli uomini", ha detto l'inviata. E voi, cosa ne pensate?

LEGGI ANCHE>>>Striscia, Marco Camisani Calzolari trova l'invenzione più assurda del web: come ti fa vincere i giochi sul cellulare

Lascia un commento