"Ho una relazione clandestina con un collega, voglio chiuderla ma lui mi ha minacciato così"

Una donna ha raccontato che, da mesi, intrattiene una relazione clandestina con un collega. Di recente, ha preso la decisione di metterci su la parola 'Fine', ma a quanto pare l'uomo non è d'accordo ed è arrivato a minacciarla.

Quando una persona fidanzata o sposata decide di tradire il proprio partner è consapevole che, alto o basso che sia, corre il rischio di essere scoperta. Tuttavia, a volte la relazione 'principale' o non funziona o è noiosa e, per questo, si cerca divertimento ed evasione in un'altra persona. Una donna, in forma anonima alla nota rubrica 'Dear Deidre' del tabloid britannico 'The Sun' ha raccontato la sua spinosa vicenda. Da alcuni mesi, infatti, ha una relazione clandestina con un collega. Di recente, ha deciso di interromperla, non trovando però il beneplacito dell'altra persona. Il collega, infatti, è arrivato a minacciarla di raccontare tutto al suo partner.

"So che ho sbagliato, mi vergogno di me stessa per aver tradito il mio patner", premette la donna nella lettera. Poi precisa: "A lavoro, ho ricevuto attenzioni da parte di un collega più anziano di me. Con il mio fidanzato, ho attraversato un momento molto difficile, ma continuo ad amarlo. Insieme abbiamo anche una figlia di cinque anni. Da quando sono diventata madre, non ho lavorato per tre anni. Ho ripreso a lavorare e apprezzo l'indipendenza. Il mio partner lavora molto più di me. Quando rimango da sola a casa mi sento molto annoiata. Ultimamente mi ha dato pochissime attenzioni e io ho fatto lo stesso".

La relazione clandestina con il collega potrebbe avere conseguenze 'disastrose'

La donna ha trovato lavoro nel campo della moda. Essendo alle prime armi nell'azienda, le è stato affiancato un collega più anziano, che fin da subito l'ha riempita di complimenti. "Inizialmente ignoravo le sue battutine, era chiaro che volesse provarci con me. Con il passare del tempo, ho iniziato ad apprezzarle sempre di più, anche perché il mio partner a casa mi ignorava quasi del tutto". La situazione è precipitata in una delle sere in cui la donna si trovava da sola a casa, con il marito fuori per lavoro: "Gli ho detto che ero da sola e annoiata. Dai messaggi siamo passati all'incontro di persona e siamo finiti a letto. A volte lo facevamo in macchina, altre volte a casa sua. La mia vita mi è sembrata di nuovo eccitante e lui era tutto ciò che potessi desiderare in un amante".

Una donna si è pentita della relazione clandestina iniziata con il suo collega
Una donna si è pentita della relazione clandestina iniziata con il suo collega

A un certo punto, però, altrettanto improvviso è arrivato il rimorso. "Una sera il mio partner è tornato a casa prima del solito. Ha messo nostra figlia a letto ed è stato così gentile con lei, che ho sentito come uno schiaffo in faccia. Ho capito che avevo molto da perdere. Ho subito scritto al mio collega dicendo che non era il caso di vedersi più e lui mi ha minacciata, scrivendo: 'È un peccato. Non vorrai mica che il tuo partner lo venga a sapere?'". L'esperta di relazione Deidre ha confermato che quella è una minaccia a tutti gli effetti, ma anche che vada presa con le pinze. "È un collega più anziano di te, ha una posizione manageriale e se ne parli ai tuoi superiori, può finire nei guai". Deidre ha suggerito due opzioni alla traditrice: parlarne con il fidanzato per evitare che venga a saperlo da terzi o mantenere il segreto.

LEGGI ANCHE: "Mia moglie mi ha tradito e non intendo perdonarla in alcun modo: vi spiego perché", lo sfogo di un marito

Lascia un commento