Striscia, Luca Abete fa una scoperta assurda nel parcheggio disabili di un ospedale a Napoli: "Abbiamo avuto la conferma"

Parcheggio selvaggio all'ospedale Cardarelli di Napoli: Luca Abete, inviato di Striscia la Notizia, ha segnalato che alcuni parcheggi riservati ai disabili, e alle persone che devono seguire delle terapie, sono occupati da chi non dovrebbe occuparli. 

Nel corso delle puntate di questa stagione di Striscia la Notizia, sono stati diversi i servizi dedicati ai parcheggi selvaggi, e alle persone che parcheggiavano negli spazi riservati ai disabili, pur non avendo diritto. Solitamente, Vittorio Brumotti si occupa di questi servizi, ma, nella puntata di ieri, è andato in onda un servizio molto particolare sull'argomento, realizzato da Luca Abete. Il noto inviato del tg satirico ideato da Antonio Ricci si è recato a Napoli, all'ospedale Cardarelli: quest'ultimo è uno degli ospedali più noti e grandi del capoluogo della Campania, e dispone di un Pronto Soccorso molto frequentato.

Abete ha spiegato che l'ospedale è circondato da mura, con varchi sorvegliati. Tra un padiglione e l'altro, poi, ci sono delle strade con delle aree riservate alle soste dei veicoli di persone con disabilità, oppure in terapia. L'inviato, insieme ai suoi collaboratori, ha, però, notato che diversi di questi posti sono spesso occupati da veicoli che non riportano il tagliandino obbligatorio, che certifica la presenza di persone con disabilità o in terapia. In alcuni casi, poi, ha rivelato, uin tagliandino è stato trovato, ma di un'altra tipologia.

Striscia la Notizia: il servizio di Luca Abete sui parcheggi selvaggi in un ospedale napoletano

Si tratta, infatti, del tagliandino riservato ai medici, necessario per l'accesso alle aree interne. "Vuoi vedere che, a parcheggiare nelle zone delimitate dalle strisce gialle, sono medici, infermieri e personale dell'ospedale?", ha chiesto Abete. Una conferma, il team sembra averla avuta da una dipendente dell'ospedale, la quale ha dichiarato: "Siamo dipendenti. Quello che troviamo libero, quello prendiamo. E, quindi, molto spesso, impropriamente, ci appropriamo del posto di un invalido". Anche gli operatori della vigilanza avrebbero confermato la situazione, dicendo che entro le otto del mattino tutti i posti sono occupati, spesso da persone senza tagliandino.

parcheggi-disabili-striscia-la-notizia-luca-abete-ospedale-cosa-ha-trovato
Una zona adibita ai parcheggi per disabili. (Fonte: Striscia la Notizia - Mediaset - Canale 5).

Un operatore della vigilanza, in particolare, ha spiegato che, per diversi mesi, lui e la sua squadra sono stati incaricati di assicurarsi che i parcheggi riservati ai disabili fossero occupati dalle persone autorizzate. Il lavoro è andato bene, e gli operatori hanno anche ricevuto i complimenti. "Visto che andavamo bene...ci hanno tolto!", ha spiegato Abete. Inoltre, ha aggiunto l'inviato, il servizio di rimozione di queste auto, con il carro attrezzi, sarebbe stato sospeso.

La fine del servizio

"Sono una trapiantata, disabile, e non trovo mai il posto per disabili. Le confermo questa cosa: abbiamo fatto fatica, un'ora", ha dichiarato una donna. Al termine del servizio, Abete ha parlato con Pietro Rinaldi, il direttore dell'U.O.C. Comunicazione e Innovazione dell'ospedale. "Sappiamo che è un problema, e stiamo cercando di risolverlo. Tutto quello che possiamo fare è rimuovere le automobili, e metterle in una zona interna, nostra. E fare una multa di 30 euro, che è un rimborso spese per la rimozione. È tutto quello che possiamo fare, perché le norme non ci permettono di fare diversamente", ha spiegato il direttore. Abete ha, così, chiuso il servizio, promettendo di tornare sul luogo, per capire se, almeno, quest'ultima regola sarà stata applicata.

LEGGI ANCHE>>Striscia, in Lazio c'è una 'cittadella' fantasma: Vittorio Brumotti parla di un grande progetto mai realizzato

Lascia un commento