Cereali, il Ministero della Salute ritira numerose confezioni dai supermercati: cosa hanno trovato

Due lotti di cereali ritirati per un sospetto rischio microbiologico: il Ministero della Salute lo ha reso noto recentemente. Ecco tutti i dettagli sul richiamo e sul motivo per il quale le confezioni sono state ritirate.

Il Ministero della Salute ha reso noto i richiami di due lotti di barrette multicereali per un rischio microbiologico. Si parla di rischio microbiologico quando, all'interno di uno o più prodotti facenti parte del lotto ritirato, viene accertata o, comunque, si sospetta la contaminazione da parte di un virus, un batterio o un altro agente patogeno. L'assunzione di prodotti di questo tipo è, dunque, pericolosa per l'organismo umano e, quindi, si prevede il ritiro dei lotti in questione. Tra gli altri possibili rischi, per i quali possono essere effettuati dei richiami dai supermercati, citiamo anche il rischio chimico, il rischio fisico e il rischio della presenza di allergeni.

In particolare, a seguito delle analisi dei prodotti contenuti in alcune delle confezioni appartenenti ai lotti segnalati, gli operatori hanno segnalato la sospetta presenza di infestanti. Non è specificato il tipo di infestanti ritrovato o dei quali, comunque, si sospetta la presenza. In ogni caso, per aver disposto il richiamo, potrebbe trattarsi di agenti pericolosi per la nostra salute e ai quali, dunque, fare attenzione.

Ritirati due lotti di barrette ai cereali: ecco i dettagli sui richiami del Ministero della Salute

Sul sito del Ministero della Salute sono stati pubblicati due richiami, riguardanti due prodotti simili, e con lo stesso marchio. In particolare, i prodotti richiamati sono le Barrette Multicereali a marchio Cerealitalia, sia al gusto classico che al gusto cioccolato exrafondente e cocco. Il richiamo è limitato alle confezioni appartenenti al lotto n°L23150, per quanto riguarda le barrette al gusto classico, e al lotto n°L23236, per quanto riguarda le barrette al gusto cioccolato extrafondente e cocco. Per quanto riguarda le confezioni facenti parte degli altri lotti, invece, non si segnala alcun rischio o problema. Il nome o la ragione sociale dell'OSA - Operatore del Settore Alimentare a nome del quale i prodotti sono commercializzati è Cerealitalia I.D. S.p.A., che è anche il nome del produttore e il marchio di identificazione dello stabilimento / del produttore.

barrette-multicereali-gusto-classico-lotti-ritirati-cereali
Il primo richiamo pubblicato dal Ministero della Salute.

Lo stabilimento di produzione è sito a Frigento, in provincia di Avellino, ed esattamente in: Contrada Taverna di Annibale, Lotti 16/17 - 83040. Le unità di vendita sono confezioni dal peso di 126 grammi complessivi, e contenenti, dunque, 6 barrette per un peso di 21 grammi ciascuna. La data di scadenza interessata, per quanto riguarda le barrette al gusto classico, è fissata al 30 maggio 2024, mentre quella delle barrette al gusto cioccolato extrafondente e cocco è fissata al 24 agosto 2024. Il motivo dei richiami, come già annunciato, è la sospetta presenza di infestanti. I consumatori che hanno acquistato confezioni appartenenti ai lotti indicati, sono pregati di non consumare il prodotto e di riportarlo nel punto vendita di acquisto.

cereali-barrette-multicereali-cioccolato-extrafondente
Il secondo richiamo pubblicato dal Ministero della Salute.

LEGGI ANCHE>>>Uova di Pasqua: spunta uno strano divieto nei supermercati italiani, ma è scorretto. Ecco perché

Lascia un commento