Previsioni meteo di Mario Giuliacci: "Vi dico cosa succederà da qui al 15 marzo"

Il terzo mese dell'anno è notoriamente imprevedibile dal punto di vista climatico. L'esperto colonnello Mario Giuliacci ha pubblicato un video in cui illustra le sue previsioni del tempo dall'8 al 15 marzo.

Quello appena iniziato è un altro weekend carico di piogge. Dopo la breve tregua della settimana corrente, che soprattutto nella parte centrale è stata soleggiata e asciutta, da venerdì mattina il tempo è peggiorato e sia sabato che domenica non saranno adatti per le attività all'aria aperta. Una nuova perturbazione interesserà il nostro paese nelle prossime ore e sarà solo la prima di quattro previste nell'arco di sette giorni. Questo è quanto sostiene Mario Giuliacci, che conferma le previsioni fatte a fine febbraio, quando era chiaro che sul basso Mediterraneo si erano create le condizioni atmosferiche adatte per l'ingresso di vari fronti perturbati.

La prossima settimana, dunque, sarà all'insegna della pioggia. Secondo Giuliacci, dopo la perturbazione di venerdì e sabato (che toccherà soprattutto Nord-Ovest, Umbria, Lazio e gran parte del Sud Italia), la seconda arriverà domenica pomeriggio sul Centro-Nord. Quest'ultima insisterà anche nella giornata di lunedì (Centro-Nord e Sardegna) e martedì e mercoledì al Centro-Sud. Mercoledì sarà sereno al Nord, mentre giovedì piogge deboli interesseranno il Centro-Nord, con qualche isolato temporale pomeridiano tra Liguria e Toscana.

Le previsioni di Mario Giuliacci fino al 15 marzo

La tregua non durerà a lungo. Secondo Mario Giuliacci, tra il 15 (venerdì) e il 16 (sabato) marzo una nuova perturbazione colpirà il Centro-Nord e le regioni tirreniche, in particolare Lazio e Campania. Insomma, si prospetta, ancora, tanta pioggia. C'è chi esulta - visto che gennaio e la prima metà di febbraio erano stati estremamente secchi - e chi avrebbe gradito un anticipo di primavera per il weekend. La buona notizia è che fiumi e laghi di tutto il paese beneficeranno di una nuova settimana piovosa. Stesso discorso per le montagne, che nella prima fase dell'inverno avevano raggiunto record negativi storici di precipitazioni nevose. Nella fase finale dell'inverno si formeranno preziosi accumuli  nevosi che diventeranno risorse idriche per la primavera e l'estate.

Mario Giuliacci e la sua assistente Elisa e le previsioni del tempo per il mese di marzo.
Mario Giuliacci e la sua assistente Elisa e le previsioni del tempo per il mese di marzo.

Come fa notare Giuliacci, pioveranno oltre 50 mm di pioggia su Alto Piemonte, Laghi Lombardi, Liguria e regioni tirreniche, mentre su quelle adriatiche di meno. Le nevicate garantiranno accumuli che andranno dai 40 ai 70 centimetri sulle Alpi e oltre 10 sull'Appennino Centro-Settentrionale. In estrema sintesi, il quadro non cambierà molto rispetto alla prima settimana di marzo: pioggia abbondante, temperature massime nella media o leggermente al di sopra, minime tipiche del periodo invernale. Trovandoci a pochi giorni dalla fine della stagione, possiamo affermare con certezza quasi totale che ondate di gelo vere e proprie non ce ne saranno. È stato un inverno secco nella prima parte ed estremamente piovoso nella seconda, ma tutt'altro che freddo. Copernicus ha fatto sapere che febbraio 2024 è stato il più caldo di sempre dal 1800 sull'Italia, con temperature massime di 3 gradi superiori rispetto alle medie trentennali. Il cambiamento climatico è reale.

LEGGI ANCHE: "Un fattorino si è comportato in maniera inquietante quando mi ha consegnato il cibo", il racconto di una donna

Lascia un commento