Assegno di Inclusione, arrivano nuovi dettagli dall'INPS sui pagamenti: date e altre informazioni

Date dei pagamenti e dettagli per i nuovi beneficiari dell'Assegno di Inclusione: scoprite tutte le novità rese note dall'INPS poco fa.

L'Assegno di Inclusione è stato introdotto nel 2023, e può essere richiesto dal primo gennaio 2024. Si tratta, come specifica il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di una misura di sostegno economico e di inclusione sociale. Questa è destinata a diverse tipologie di beneficiari. Per accedere all'Assegno di Inclusione, è necessario che nel nucleo familiare del richiedente ci sia almeno una persona minorenne, oppure una persona disabile, oppure una persona con almeno 60 anni d'età. Infine, l'assegno di inclusione può essere richiesto anche dalle famiglie che abbiano almeno una persona inserita in un programma di cura e di assistenza dei servizi socio sanitari territoriali. Tra gli altri requisiti, che si possono consultare sul sito dell'INPS o del Ministero del Lavoro, c'è anche un requisito di tipo economico: non si può, infatti, avere un reddito ISEE in corso di validità superiore ai 9.360 euro.

L'Assegno di Inclusione è, di fatto, una delle due misure che sostituisce il vecchio reddito di cittadinanza. L'altra, per la quale si può fare domanda già dallo scorso primo settembre 2023, è il Supporto per la Formazione e il Lavoro, e può essere richiesta dalle persone di un'età compresa tra i 18 e i 59 anni. Per accedere a una delle due misure, gli interessati devono fare domanda all'INPS - Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. La domanda può essere inviata sia telematicamente, accedendo con credenziali CIE o SPID al sito INPS, oppure mediante Istituto di Patronato, o telefonando al Contact Center dell'Istituto.

Assegno di Inclusione: ecco tutti i dettagli dall'INPS

Poco fa, l'INPS ha diffuso un comunicato riguardante i pagamenti dell'Assegno di Inclusione. Prima di tutto, l'Istituto ha rivelato di aver disposto i primi pagamenti per i nuclei familiari che hanno presentato la domanda, hanno avuto la conferma mediante l'istruttoria positiva, e hanno sottoscritto il PAD, e cioè il Patto di Attivazione Digitale. Questi soggetti riceveranno un invito, tramite SMS o tramite e-mail, in cui verranno invitati a presentarsi agli uffici postali, per ritirare la Carta di inclusione. L'invito arriverà a partire dal 15 marzo: nel giorno stesso dell'invito, sarà possibile recarsi alle Poste e ricevere la carta, con il primo accredito mensile.

assegno-di-inclusione-quali-sono-le-novita-inps
Le famiglie con componenti minorenni possono accedere all'Assegno di Inclusione, se possiedono tutti i requisiti.

Per chi, invece, ha già la Carta, e ha già ricevuto almeno un pagamento mensile, il pagamento del mese di marzo arriverà il 27 marzo 2024. Questo, naturalmente, se i requisiti resteranno gli stessi, e se avranno presentato il modello ISEE 2024. Qualora questo non fosse stato presentato, i pagamenti saranno sospesi fino alla presentazione di una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) valida.

Ricapitolando, dunque, le date dei pagamenti per il mese di marzo sono le seguenti:

  • A partire dal 15 marzo, per chi riceve per la prima volta l'Assegno;
  • Il 27 marzo, per chi ha ricevuto almeno un pagamento.

LEGGI ANCHE>>>INPS, importanti novità sulla pensione anticipata: ora fare domanda è più semplice

Lascia un commento