Metropolitana, non dimenticate mai di fare questo: il consiglio dell'esperto

Un noto esperto di tutela dei consumatori ha raccomandato ai residenti in città dove c'è almeno una linea della metropolitana o, comunque, a chi vi si reca per lavoro o per vacanze, di fare attenzione a non dimenticare mai di fare una cosa. Ecco di cosa si tratta.

Tra le città italiane, ben sette dispongono di una linea metropolitana. Si tratta, naturalmente, di sette grandi città, di cui cinque capoluoghi di provincia. La parola 'metropolitana' deriva, in effetti, proprio da 'metropoli', una città di grandi dimensioni, e con numerosi abitanti. Le città italiane che dispongono di un servizio di trasporto pubblico del genere, leggero o di tipo classico, sono, in particolare, le seguenti: Roma, Milano, Napoli, Torino, Genova, Catania e Brescia. Il primo servizio a essere chiamato 'Metropolitana', in Italia, è stato inaugurato a Napoli, anche se la prima metropolitana effettiva è quella di Roma, inaugurata negli anni Cinquanta.

Milioni di persone, in Italia, utilizzano la metropolitana, e, nei prossimi anni, ce ne saranno sempre di più. Sono stati approvati, infatti, vari progetti di costruzione di nuove stazioni della metropolitana, nelle città dove è attualmente già presente un servizio del genere. In altre città, dove ancora non è stata costruita una metropolitana, invece, si è discusso di progetti del genere. Attualmente, però, questi discorsi non hanno ancora portato all'inizio dei lavori. Negli anni, sono diversi, inoltre, i cambiamenti che sono stati applicati nelle varie stazioni italiane.

Metropolitana, mai dimenticare di fare questo, prima di uscire dalla stazione: il consiglio del noto esperto

Uno di questi riguarda i biglietti per accedere al servizio di trasporto pubblico. Per decenni, infatti, l'unico modo per entrare in metropolitana era quello di marcare un biglietto cartaceo. Poi, sono state introdotte delle tessere, per gli abbonamenti mensili o annuali. Da qualche anno, invece, si può pagare anche tranquillamente dal cellulare o mediante la propria carta di credito, attraverso un sistema contactless, che scala automaticamente i soldi dalla carta di credito. C'è, però, un dettaglio al quale chi usa la metropolitana di Milano, o anche quella di Napoli, deve ricordare. Si tratta, cioè, di marcare la carta di credito o il cellulare anche all'uscita.

Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale dei Consumatori ed esperto di tutela dei consumatori, ha, in effetti, spiegato che nelle stazioni di queste due città, c'è un dispositivo, prima dell'uscita, con il quale dobbiamo effettuare la stessa operazione effettuata all'entrata. In questo modo, ci sarà garantita la tariffa giusta, della tratta effettiva percorsa, pagando il prezzo minimo possibile. Inoltre, aggiunge Dona, in questo modo si evita di prendere multe. A Milano, ad esempio, può capitare di ricevere una multa, almeno di un euro e 30, per questa dimenticanza. È già successo, come ha spiegato l'avvocato nel video pubblicato sulla sua pagina Instagram, e può succedere ancora: ricordate, dunque, di fare questa operazione sia all'entrata, ai tornelli, che all'uscita della metropolitana.

consiglio-metropolitana-esperto-cosa-fare
Un treno di una metropolitana.

LEGGI ANCHE>>>"Hai del latte scaduto? Prima di buttarlo, fai questo semplice test", il consiglio dell'esperto

Lascia un commento