Un cliente le chiede di sorridere di più, la risposta di questa cassiera lo mette a tacere

Una cassiera si è innervosita per l'insistente richiesta da parte di un cliente di "sorridere di più". La sua risposta, per quanto bizzarra, è stata efficace, almeno stando al racconto della diretta interessata.

Lavorare al pubblico può essere parecchio stressante. Anche la più calma e pacata delle persone può innervosirsi più volte se rimane per otto ore a contatto con il pubblico. Prima o poi, il cliente invadente o pignolo entrerà nel bar, nel ristorante, nell'albergo o nel negozio e dirà qualche frase fuori posto. Alcuni mestieri sono svolti in maggioranza da uomini, altri da donne. Alle casse dei negozi è più comune trovare una ragazza che un ragazzo. Si sa, molti uomini credono sia normale fare commenti di qualsiasi tipo verso le lavoratrici al pubblico, dato che "vengono pagate" per essere sorridenti e disponibili verso il prossimo.

Su Reddit, social network basato su interazioni testuali, migliaia di persone da ogni paese scrivono storie di vita privata in forma anonima. Quasi sempre lo fanno per chiedere un parere a dei perfetti sconosciuti, che probabilmente non incontreranno mai dal vivo. Nella sezione r/TwoXChromosomes, il post dell'utente mysanctuary è diventato virale. Si tratta di una ragazza che lavora come cassiera; pur non dicendo il suo nome, specifica di lavorare da CVS, catena americana di farmacie, che vendono anche prodotti di bellezza, cosmetici e in generale per la cura della persona.

Il cliente le dice di "sorridere di più", la (bizzarra) risposta della cassiera lo zittisce

Il suo breve post recita così: "Lavoro da CVS, ma ho un problema. I clienti fanno troppo spesso commenti non richiesti. Ok, magari rappresento la compagnia, ma lo faccio solo per quanto riguarda i beni e servizi che vende. Sono una persona amichevole. Da bambina mi hanno insegnato che un dipendente dovrebbe essere amichevole ma mai esagerare con la confidenza, che è sinonimo di maleducazione. Credo che questo debba valere anche per i clienti. Odio quando i clienti mi chiedono di sorridere di più. Da qualche giorno, sto usando una tattica infallibile".

Lavorare come cassiera regala soddisfazioni, ma non mancano le situazioni di disagio.
Lavorare come cassiera regala soddisfazioni, ma non mancano le situazioni di disagio.

"Quando un cliente mi dice di sorridere di più, lo fisso negli occhi con un'espressione facciale vacua e gli dico che mio padre è morto pochi giorni fa. Mi è successo solo tre volte finora. Uno incontrato ieri non mi ha nemmeno fatto le condoglianze. Sembrava a disagio perché voleva fare il simpatico ma ha fallito miseramente. Se n'è andato e non mi ha più guardata in faccia. Io sono una persona espansiva, ma quando un uomo mi chiede di sorridere, nella mia mente è come se dicesse: 'Balla, scimmia, balla!'". Nei commenti, molti si sono schierati dalla sua parte. "Io lavoravo in un negozio di panini. Un uomo mi ha detto di sorridere, io gli ho risposto: 'Dimmi tu qualcosa di divertente'. È andato in tilt, è uno dei miei ricordi preferiti legati al lavoro", è uno dei commenti con più voti a favore.

LEGGI ANCHE: "Ho 28 anni e mio marito 70: come ci siamo conosciuti", coppia sommersa dalle critiche

Lascia un commento