Cometa del diavolo, esperto rivela se c'è il rischio che ci colpisca: "Si avvicinerà"

Avete mai sentito parlare della cometa del diavolo? C'è il rischio che questa colpisca la Terra? Un noto esperto di scienza ne ha parlato in un recente video: ecco la risposta.

Le comete sono dei corpi celesti che, differentemente dalle stelle, si muovono in maniera più veloce e ricordano, in questo caso, degli asteroidi. A differenza degli asteroidi, però, la cometa è composta principalmente da sostanze ghiacciate, le quali, invece, non compongono gli asteroidi. Talvolta, le traiettorie delle comete si avvicinano molto alla Terra e, dunque, diventano visibili. Una cometa che sta viaggiando, in questi giorni, non molto lontana dalla Terra è la cosiddetta cometa del diavolo. Molti hanno parlato di questa cometa che, ufficialmente, si chiama Cometa 12P Pons Brooks.

Il 'viaggio' intorno all'ellittica del sole di questa cometa dura circa 71 anni, e il prossimo mese dovrebbe raggiungere il punto più vicino al sole, il perielio. Il momento è previsto per la seconda metà del mese di aprile e, per questo motivo, qualche giorno prima, la cometa sarà più vicina alla Terra. In realtà, già da qualche sera, questa cometa è osservabile tramite un binocolo. Lo sarà, più o meno, fino a quando attraverserà la costellazione dell'Ariete, almeno per chi vive in Europa. Poi, ci sarà un giorno in cui potrebbe essere vista addirittura a occhio nudo, ma in America.

Cometa del diavolo: c'è il rischio che si avvicini troppo alla Terra? La risposta dell'esperto

Data la sua vicinanza alla Terra, però, molti potrebbero chiedersi se, in questi giorni, ci possa essere il benché minimo rischio che la cometa colpisca il nostro pianeta. A rispondere a questa domanda è stato Riccardo Azzali, celebre esperto di filosofia e di scienza, che ha pubblicato un video sulla sua pagina Instagram @filosofiascienza, in collaborazione con un'altra pagina, @curiositastronomiche. Ebbene, per fortuna, non c'è alcun pericolo che questa cometa colpisca il nostro pianeta, nemmeno minimo.

Questo perché, spiega Azzali, pur avvicinandosi, la sua traiettoria non intersecherà l'orbita terrestre. Proprio perché non ci sarà modo di toccare l'orbita terrestre, dunque, non ci sarà alcun pericolo che questa cometa colpisca la Terra. Oltre ad aver dato la risposta a questa domanda, poi, l'esperto ha anche rivelato che la cometa 'del diavolo' viene chiamata così perché la sua chioma ha una forma particolare, che ricorda proprio le corna di un diavolo. Inoltre, Azzali ha detto che la cometa sarà visibile dalla Terra, anche a occhio nudo, precisamente il prossimo lunedì 8 aprile. Ripetiamo, però, che avranno questa possibilità solo coloro che abitano in America: per gli europei, l'unica possibilità è cercarla con il binocolo in questi giorni.

cometa-del-diavolo-cometa-generica
Una cometa generica.

LEGGI ANCHE>>>Letto, meglio lasciarlo disfatto al mattino: la spiegazione paradossale

Lascia un commento