40enne è costretto a bere 20 litri di acqua al giorno: il motivo

Un 40enne vive una vita molto diversa rispetto a quella di una persona ‘normale’. L'uomo, infatti, è praticamente costretto a bere 20 litri d’acqua al giorno. Ecco la sua singolare storia.

Marc Wübbenhorst è un architetto di professione e guida turistica per diletto e lo scorso 4 dicembre ha computo 42 anni. Vive in Germania e soffre di diabete insipido nefrogeno. Sebbene contenga la parola ‘diabete’ nel nome, questa malattia genetica rara ha poco a che vedere con quella che molti di noi conoscono. Da dizionario medico, suddetta condizione colpisce i reni ed equivale all’incapacità di concentrare l'urina, incapacità causata da una risposta alterata del tubulo renale alla vasopressina (ormone antidiuretico). Ne consegue che i suoi reni non siano in grado di bilanciare le quantità di fluidi nel suo corpo. Pertanto, anche dei fluidi che nessuno di noi espelle finiscono nelle urine.

La conseguenza più ovvia di questa condizione è che Marc debba bere circa dieci volte più di una persona non affetta dalla malattia per non soffrire di deidratazione. Lui stesso, dimostrando di saper scherzare anche su un tema delicatissimo, si è autoribatezzato “l’uomo più assetato della Germania”. Le conseguenze di bere 20 litri di acqua al giorno sono facilmente immaginabili. Se andare in bagno spesso durante il giorno non è un dramma, più problematico è andarci nel cuore della notte. Marc ammette di svegliarsi “almeno due volte” ogni notte per svuotare la vescica e tornare a letto. Lui stesso ha ammesso che bevendo 20 litri d’acqua al giorno, va dalle 18 alle 20 volte in bagno.

Il 40enne costretto a bere 20 litri d'acqua al giorno

La sua vita non è facile, da diversi punti di vista. Nel 2019, in un’intervista con TLC, ha dichiarato: Non riesco a stare più di un’ora e mezza senza bere. Rischio seriamente se vado oltre. Dopo 90 minuti, le labbra diventano secche e la sete diventa praticamente insopportabile. Sono sempre stanco al lavoro. È una delle conseguenze negative. Dormendo poco, a fine giornata lavorativa sono talmente stanco da mettermi subito a letto appena rientro a casa”. Tutto è iniziato quando aveva sei anni e sua madre si è accorta che beveva molto più degli altri. Da lì, a seguito di alcuni esami, è arrivata la diagnosi della malattia rara inguaribile in questione.

Marc Wübbenhorst è letteralmente costretto a bere dai 15 ai 20 litri d'acqua ogni giorno.
Marc Wübbenhorst è letteralmente costretto a bere dai 15 ai 20 litri d'acqua ogni giorno.

Il giovane si è recato presso un centro medico di Berlino che propone trattamenti sperimentali. Per il particolare caso, alcuni esperti hanno pensato di ridurre il sale presente nel suo organismo, in modo da limitare il numero di volte in cui Marc va in bagno. Stando a quanto si apprende dal filmato di TLC, il trattamento ha avuto alcuni risultati incoraggianti. Marc, infatti, ha ridotto il numero di volte in cui si reca al bagno di notte, riuscendo quindi ad aumentare la qualità del sonno e sentendosi meno esausto. Il 40enne non è guarito e ha ancora bisogno di bere almeno 15 litri di acqua al giorno, ma è aumentata la qualità del sonno ed è diminuita la stanchezza. La speranza è che in futuro venga trovata una cura ancor più efficace per la sua particolare condizione.

LEGGI ANCHE: "Sono allergica all'acqua: ecco come mi faccio la doccia", la difficile vita di una 21enne

Lascia un commento