Studio Battaglia 2, il finale della fiction Rai con Barbora Bobuľová lascia l'amaro in bocca: "Lo stesso errore di Doc"

La serie televisiva italiana "Studio Battaglia 2" con Lunetta Savino e Barbora Bobuľová tra le protagoniste ha concluso ieri la sua stagione con un episodio carico di colpi di scena e emozioni, che ha lasciato i telespettatori con il fiato sospeso. Eppure non tutti sarebbero rimasti particolarmente entusiasti del finale. Ecco perché c'è un paragone con Doc-Nelle tue mani.

Protagoniste di questa avventura chiamata Studio Battaglia 2, trasmesso ieri in prima serata su Rai 1 per la sua terza e ultima puntata sono le talentuose attrici Lunetta Savino, Barbora Bobuľová, Miriam Dalmazio e Marina Occhionero, che hanno dato vita in questa stagione come nella precedente alle donne della famiglia Battaglia e al loro studio legale, intrecciando le loro vite in una trama avvincente e ricca di sfumature che oltre al professionale lascia spazio anche al personale.

Nella puntata di ieri ci sono stati momenti cruciali. Corrado Fini, interpretato da Raffaele Esposito, ha messo in pericolo l'affidamento dei figli di Michela (Sara Putignano), costringendo quest'ultima a difendere strenuamente i propri interessi tramite Anna. Nel frattempo, Viola (Marina Occhionero) ha affrontato sfide nel suo nuovo lavoro nel ristorante di Carla (Carla Signoris), mentre Nina (Miriam Dalmazio) ha dovuto confessare il suo segreto 'bello grosso' all'ex fidanzato Leo (Alberto Paradossi). Il tutto si è intrecciato con il riconoscimento ottenuto da Marina (Lunetta Savino), che ha dovuto fare i conti con le proprie scelte di vita e con il proprio passato.

Studio Battaglia 2, cosa non è piaciuto del finale di stagione: "Se ci penso impazzisco"

Sempre nell'episodio di ieri di Studio Battaglia 2 uno dei momenti più intensi è stato lo svelarsi della relazione clandestina tra Anna, interpretata da Barbora Bobulova, e Massimo, il cui ruolo è affidato a Giorgio Marchesi. Questo evento ha scatenato una serie di reazioni emotive, soprattutto considerando il coinvolgimento della donna che oltre a essere avvocata è anche una madre quindi conosce bene l'importanza della famiglia. La tensione tra Anna, il marito Alberto (Thomas Trabacchi) e Massimo è arrivata al culmine, portando ad una decisione importante per la protagonista: quest'ultima ha scelto sé stessa rinunciando ai due uomini. Anche dopo il weekend con il compagno di vita ha capito di non amarlo, ma forse ha capito di non aver mai amato anche il suo amante... Un finale comunque aperto.

Le reazioni dei telespettatori al finale della serie sono state variegate e intense, con alcuni che hanno elogiato la complessità delle dinamiche e dei personaggi (apprezzando una donna in grado di mettere sé stessa davanti a due uomini), mentre altri hanno manifestato delusione o desiderio di alternative narrative. Questi ultimi avrebbero voluto un finale con la coppia Anna-Massimo, come alcuni in Doc-Nelle tue mani 3 avrebbero preferito la coppia Giulia-Doc, piuttosto che Agnese-Doc. Alcuni commenti sui social media hanno evidenziato questa diversità di opinioni.

Studio Battaglia 2

Fiction Rai, commenti al finale

"Eccomi mi sono appena ripresa dal finale e se ci penso impazzisco",  "Dopo questo finale mainagioia ho bisogno di leggere una fanfiction dove Anna e Massimo hanno il finale che ci meritiamo",  "Io devo parlare subito con gli sceneggiatori di questa serie che hanno partorito questo finale del ca... Io sono nera".  Questi commenti riflettono la complessità delle emozioni suscitate dal finale, evidenziando anche l'apprezzamento per alcuni elementi della trama e la frustrazione per altri. La serie ha sicuramente lasciato il segno nel panorama televisivo italiano, confermando il talento degli attori e delle menti creative dietro le quinte. Resta da vedere cosa riserverà il futuro per i personaggi di "Studio Battaglia" e quali nuove sfide li attenderanno nella prossima stagione, qualora sia confermata.

LEGGI ANCHE: Va al ristorante, ordina un pranzo completo di pesce e il suo scontrino segna solo 24 euro: dov'è successo

Lascia un commento