Striscia, Marco Camisani Calzolari rivela le truffe più diffuse sul web attualmente: i trucchi per riconoscerle

Molte truffe sono diffuse sul web, e sono molto pericolose: Marco Camisani Calzolari, inviato di Striscia la Notizia, ha recentemente rivelato quali sono le truffe in cui si può incappare più facilmente.

Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo rischiano di cadere vittime di una truffa sul web. Negli ultimi anni, in effetti, le truffe sono sempre più diffuse, e sempre più difficili da distinguere: i messaggi che le potenziali vittime di questi attacchi ricevono sono sempre più verosimili, e gli hacker sembrano conoscere sempre più dettagli e dati riguardanti la nostra identità. Per questo motivo, nell'ultimo servizio realizzato per Striscia la Notizia, Marco Camisani Calzolari ha elencato le truffe più pericolose del web, al fine di aiutare il pubblico a riconoscerle e a distinguerle dai messaggi reali.

La prima truffa di cui ha parlato è un annuncio, diffuso su Facebook, nel quale si fa riferimento a dei pacchi Amazon non ritirati. Il post, che viene sponsorizzato sulle bacheche degli utenti Facebook, compare su una pagina denominata 'Beni non reclamati', e fa riferimento a dei pacchi che possono essere ritirati, spendendo soli 3 euro. Questa offerta non è promossa da Amazon e, anzi, cliccando sul link segnalato sul post, si accede a un sito contraffatto, per raccogliere dati o chiedere denaro. Non è difficile riconoscere questa truffa, nonostante sembri molto allettante: la pagina che sponsorizza il post non è Amazon, che non c'entra nulla con la truffa, e, poi, vi sono anche degli errori grammaticali. I trucchi per riconoscerla sono, pertanto, quello di guardare il nome della pagina e fare attenzione alla grammatica usata. Non cliccate mai sul link del post, dunque, e non fornite nemmeno i vostri dati.

Striscia la Notizia: Marco Camisani Calzolari parla delle truffe più diffuse e pericolose sul web

C'è, poi, un'altra truffa, molto diffusa. Questa assume la forma di un messaggio sms, e fa riferimento a una fantomatica offerta di lavoro. Come spiegato da Calzolari, questa truffa sfrutta, sfortunatamente, le necessità delle persone che hanno bisogno di un lavoro stabile e di una fonte di guadagno improvvisa. Sembra un'offerta davvero allettante. Si chiede, in effetti, di lavorare meno di un'ora al giorno, per guadagni che possono arrivare fino a 700 euro al giorno. Solo queste indicazioni dovrebbero farci capire che si tratta di una frode. Il trucco per riconoscere questa frode è che, praticamente, è impossibile trovare un lavoro così, ed è ancora più difficile che venga proposto tramite sms.

marco-camisani-calzolari-truffe-web-via-sms-messaggio
Marco Camisani Calzolari mostra una delle truffe più diffuse sul web. (Fonte: Striscia la Notizia - Canale 5 - Mediaset).

In questo caso, chiedono di contattare un numero telefonico in particolare. Contattandolo, però, vi chiederanno soldi per iniziare a lavorare: per questo motivo, non telefonate e cancellate il messaggio. Infine, Calzolari ha parlato di una campagna phishing, che circola questa settimana sulle caselle di posta elettronica, e che appare inviata da Esselunga. "Vogliono farci credere di averci selezionato, per poter vincere un fantastico premio. Magari solo rispondendo a un breve sondaggio", ha spiegato Calzolari. Esselunga, però, non c'entra nulla con questa truffa, ed è consigliato non cliccare sul link e non inserire mai alcun dato personale.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, Luca Abete prova a mostrare il lato generoso dei parcheggiatori abusivi: quello che gli succede è sconvolgente

Lascia un commento