Cameriera crede di aver ricevuto 100$ di mancia, quando legge lo scontrino rimane delusa

Una cameriera era quasi convinta di aver avuto una mancia generosa di 100$, ma leggendo lo scontrino si è accorta che non era il suo giorno fortunato. Già, perché il fatto è successo in un giorno diverso dagli altri.

La cultura popolare italiana degli ultimi cento anni è stata ed è fortemente influenzata da quella statunintense. I due paesi sono geograficamente molto lontani e la vita negli Stati Uniti, sotto numerosi aspetti, è diversa dalla nostra. Il lavoro del cameriere (server o waiter), ad esempio, è quasi identico nella sostanza, ma le forme di guadagno sono totalmente diverse rispetto all'Italia. Chi fa questo lavoro in America può guadagnare pochissimo o tantissimo. La paga base è di pochi dollari al giorno, anche per un turno di 8 ore. Tutto dipende dalle mance (tip), che sono quasi obbligatorie e si calcolano sulla percentuale del conto. Non lasciare la mancia vuol dire esprimere un'insoddisfazione enorme. Solitamente, per comunicare disappunto, si sceglie la percentuale del 10%. Dal 18% in su, la propina è considerata 'normale' e indicatrice di soddisfazione.

In Italia, i camerieri accettano di buon grado un obolo a fine pasto, ma da questo non dipende il loro stipendio a fine mese. Ecco perché negli Stati Uniti la mancia è così importante. Da alcuni giorni, su Instagram, sta circolando una foto scattata in Texas, nella città di Baytown. Essendo uno stato a fortissima presenza ispanica, abbondano i ristoranti messicani. Nella Taqueria El Cacique, una cameriera ha servito un uomo che era in vena di scherzi. Il cliente aveva scritto '100 dollari' come mancia libera su un conto di 27$, arrivando anche a firmarla. Sullo stesso scontrino, però, è apparsa anche un'altra scritta.

Cameriera riceve una (non) mancia da 100$ e una presa in giro sullo scontrino

Con un pennarello verde, il cliente ha aggiunto: "Pesce d'Aprile, stupida! Niente mancia per te!". Il 1° aprile è lecito fare scherzi, ma forse prendere in giro così un cameriere è troppo. Isis Gomez, figlia della proprietaria del locale, è stata la cameriera che ha servito il burlone. La 20enne ha dichiarato al 'New York Post': "Per evitare che tornasse e creasse problemi, non gli ho addebitato i 100$! Anche se l'ha firmato e avrei potuto farlo, erano un sacco di soldi ed ero indecisa. Ne ho parlato con mia madre, che gestisce il locale, e mi ha detto di evitare, per non ricevere lamentele".

Lo scontrino con la (non) mancia e la presa in giro alla cameriera.
Lo scontrino con la (non) mancia e la presa in giro alla cameriera.

La 20enne ha anche precisato che era un uomo solo "di circa 30 anni", che ha fatto colazione nel suo locale. "Nessuno di noi ha fatto una foto dello scontrino - precisa la Gomez - credo che sia stato lui, per poi farla girare su TikTok, Facebook e Instagram. Ho visto molte persone condividerla. Abbiamo perfino ricevuto telefonate in cui ci hanno chiesto se fosse successo davvero. Una donna voleva aprire una raccolta fondi per farmi avere quei 100$, ma ho rifiutato". Una buona notizia c'è: "Due tavoli sono venuti solo perché avevano visto la foto dello scontrino. Hanno postato tutti i piatti su Instagram e ci hanno fatto pubblicità". Nei commenti al post originale, molti assicurano che la semplice firma sarebbe bastata ad addebitare i 100$ in maniera legale.

LEGGI ANCHE: Svizzera, turisti ordinano hamburger e patatine in hotel: quando leggono lo scontrino rimangono senza parole

Lascia un commento