"Mi hanno rifiutata dopo un colloquio di lavoro perché non ero truccata", lo sfogo di una donna

Una donna ha pubblicato uno sfogo su TikTok, dichiarando di essere stata scartata dopo un colloquio di lavoro perché, nell'occasione, non era truccata. A suo dire, questa è stata la causa principale del "no" ricevuto.

Cercare lavoro non è un'esperienza entusiasmante. Bisogna mettere in conto che, per quanto sembri paradossale, chi pubblica un annuncio di lavoro non sempre risponde a tutte le candidature. Alcuni svolgono il colloquio da remoto, altri in presenza. Altri danno un appuntamento e arrivano in enorme ritardo o lo rimandano all'ultimo. Insomma, in questa fase bisogna avere la pazienza di un monaco buddista e mettere in conto di ricevere buche e/o risposte evasive. Un po' di frustrazione può nascere legittimamente quando si viene scartati dopo un colloquio ma - di nuovo - è un esito da mettere in conto.

Per una sola posizione possono esserci decine di candidati, per cui le chance di spiccare sono oggettivamente basse. Altre volte, però, la motivazione fornita per il rifiuto può causare sentimenti di rabbia vera e propria. Melissa Weaver, tiktoker americana, ha pubblicato un video su TikTok che è andato subito virale. A suo dire, è stata scartata dopo un colloquio di lavoro perché per l'occasione era struccata. "Alcuni giorni fa ho partecipato a un colloquio di lavoro. L'intervista è andata bene. A ogni domanda che mi è stata fatta, ho dato una risposta perfetta. Un tempo lavoravo io come responsabile delle Risorse Umane, so bene quali domande vengono fatte in sede di colloquio e come bisogna rispondere".

La donna si è presentata così al colloquio di lavoro: senza trucco
La donna si è presentata così al colloquio di lavoro: senza trucco

Viene scartata dopo un colloquio di lavoro perché non truccata

Malgrado l'intervista, a suo dire, sia andata "benissimo", ha ricevuto una mail in cui le veniva comunicato che l'azienda non aveva intenzione di assumerla. "La responsabile - spiega - mi ha detto che non sarei passata alla fase successiva della selezione. Ero parecchio frustrata perché mi serviva il lavoro, ma anche molto confusa". Per questo motivo ha chiesto un feedback, con le motivazioni per cui sia stata ritenuta non adatta. "La donna mi ha risposto che la mia esperienza lavorativa era esattamente ciò che stavano cercando. Però ha aggiunto che non mi ero sforzata abbastanza per quanto riguarda l'aspetto esteriore, dato che sarei andata a ricoprire un incarco importante". Il ruolo in questione era quello di vice presidente.

@_melissaweaver

Does wearing make up to work make a difference? #work #corporate #career #interview #job #jobsearch #makeup #jobinterview #opinion #advice #women

♬ original sound - Melissa

"Mi ero vestita bene - assicura - ma non ero truccata. E non lo faccio quasi mai. Normalmente non mi trucco o indosso un make-up molto leggero. Non voglio essere eccentrica, è che non ne uso molto". Questa esperienza, per molti, è l'ennesima conferma che nella società moderna l'apparenza è tutto, anche in un ruolo dove c'è bisogno prima di un buon cervello e poi di un viso curato. Nei commenti al video non potevano mancare posizioni femministe (in questo caso inattaccabili perché fattuali): "Una cosa del genere a un uomo non succederebbe mai". Altri lamentano come anche nel mondo del lavoro venga posta troppa attenzione all'aspetto esteriore.

LEGGI ANCHE: "Sono un'esperta di lavoro: ecco come rispondere se al colloquio fanno domande fuori luogo"

Lascia un commento