"Ho trovato questo oggetto nel passeggino di mia figlia, con un nome scritto sopra: fate attenzione"

Una mamma ha pubblicato un video andato subito virale. La donna ha trovato un oggetto attaccato al passeggino di sua figlia, con tanto di nome dell'altro figlio scritto sopra. Non è certamente frutto di una dimenticanza o un regalo: chi lo ha lasciato, ha pessime intenzioni.

Le madri avranno sempre un fortissimo istinto di protezione verso i loro figli, fino all'ultimo giorno della loro vita. Tutte le fasi, almeno fino ai trent'anni, sono delicate, ma quella dei primi cinque merita un discorso a parte. Quando un bambino è totalmente dipendente dai propri genitori, gran parte dei pensieri e delle preoccupazioni giornaliere sono rivolte a lui. Diamond Williams è una stupenda mamma 30enne che alcuni giorni fa ha condiviso un video diventato virale, con oltre 2.8 milioni di visualizzazioni. La donna ha trovato un Air Tag della Apple nel passeggino con cui 'trasporta' sua figlia di tre anni.

Per l'esattezza, la 30enne, mentre si trovava in uno zoo con i tre figli (9 anni, 3 anni e pochi mesi), ha sentito un piccolo oggetto cadere per terra, che ha raccolto prontamente. L'AirTag è un 'dischetto' che serve a localizzare gli oggetti personali tramite un'app scaricabile sul proprio iPhone. Se, ad esempio, abbiamo paura che qualcuno faccia un uso improprio di un nostro oggetto, possiamo piazzarci un AirTag sopra per capire se e quando viene mosso in nostra assenza. Quell'AirTag non apparteneva né a Diamond né a suo marito. La donna assicura che, all'uscita di casa in quel giorno, l'oggetto non era presente "dentro" il passeggino usato per suo figlio.

Madre 30enne trova un oggetto indesiderato nel passeggino di suo figlio

"Inizialmente pensavo di essere impazzita, ma ora so che sta succedendo a molte altre mamme. Ho chiesto a mio marito, ai miei parenti ed amici se fossero stati loro a lasciarlo nel passeggino, ma tutti mi hanno assicurato di no". Un altro dettaglio poco rassicurante è che qualcuno ci ha scritto sopra: "JAX", che sono le prime tre lettere del nome del figlio Jaxton, il più grande dei tre. I fatti risalgono all'estate del 2023, ma la donna ha mantenuto il riserbo per mesi e prima di parlarne pubblicamente. "Ho tenuto l'AirTag, ma non ho presentato nessuna denuncia. Ho deciso di parlarne perché leggo sempre più spesso di persone che trovano AirTag su loro oggetti personali e quasi sempre, sopra, ci sono scritti i loro nomi o le loro iniziali".

La 30enne ha trovato un AirTag nascosto nel passeggino della figlia piccola, con il nome del figlio maggiore.
La 30enne ha trovato un AirTag nascosto nel passeggino della figlia piccola, con il nome del figlio maggiore.

A suo dire, dei malintenzionati li piazzano sugli oggetti di altre persone per tracciarne ogni singolo movimento. Una forma moderna di stalking, facilitata dalla tecnologia, perché permette di rimanere nell'ombra. "Fidatevi del vostro istinto - conclude la 30enne - se trovate un AirTag che non conoscete nello zaino o nel passeggino, sappiate che non è un caso. Qualcuno vuole pedinarvi". Nei commenti, molti hanno confermato i suoi timori: "Ne ho trovato uno sulla mia auto e l'ho subito consegnato alla polizia", scrive una donna. A chi le ha chiesto cosa sia successo in questi mesi, la Diamond risponde: "Non è successo nulla, è finita lì. Non mi sono ritrovata in altre situazioni strane. Voglio solo che gli altri stiano più attenti, in particolare i genitori di bambini piccoli".

@diamondnicolew

Posting this after realizing that if i had know more about thus beforehand, i could have handled the situation differently and warned the establishment that someone was doing this. Also, bc i had a gut feeling that it wasnt a coincidence and so many people told me it had to me. It wasnt a coincidence. People are using airtags more strategically now that they have the resources to do so. #humantraffickingawareness #airtag #appleairtag #airtagtracking #fyp #foryoupage

♬ original sound - Diamond 💎

LEGGI ANCHE: "Prima criticavo le mamme che mettono il guinzaglio ai figli, oggi sono una di loro: ecco perché"

Lascia un commento