MotoGP, Marc Márquez omaggia i piloti Ferrari ma c'è un dettaglio che stona e confonde: ecco quale

In seguito all'annuncio del cambio di divisa del team Ferrari, per il Gran Premio di Miami, il team Gresini di MotoGP ha omaggiato i piloti del Cavallino rampante, con uno scatto ai fratelli Marc e Álex Márquez. C'è, però, un dettaglio particolare.

Oggi, venerdì 26 aprile, è, finalmente, iniziato il Gran Premio motociclistico di Spagna. Sul circuito di Jerez de la Frontera, i piloti motociclistici più amati di tutti torneranno a correre per la quarta volta, in quest'anno. Il quarto Gran Premio della stagione ha un'importanza fondamentale per molti piloti: se Jorge Martín ed Enea Bastianini, rispettivamente primo e secondo pilota nella classifica parziale, dovranno cercare di confermare le loro posizioni, distaccandosi in maniera più netta dai piloti che li seguono, altri come Francesco Bagnaia e Marc Márquez dovranno cercare di rimediare agli errori commessi nelle scorse settimane, recuperando delle posizioni.

Per i piloti spagnoli potrebbe essere una gara più facile, data l'accoglienza che riceveranno dal pubblico di casa. Questo potrebbe aiutare molto Marc Márquez, reduce da due cadute, che non gli hanno permesso di guadagnare dei preziosi punti nel corso delle ultime due gare della domenica, in Portogallo e negli Stati Uniti. Il pilota, che sulla moto Ducati ha già ottenuto due podi nelle Sprint Race ed è arrivato nella top 5 di entrambe le gare del Qatar, potrebbe puntare alla sua prima vittoria con il team Gresini, proprio nel corso di questo fine settimana.

MotoGP: l'omaggio del team Gresini al team Ferrari e quel dettaglio particolare

A proposito di Gresini, sui social del team MotoGP è, recentemente, comparso un post molto particolare. Si tratta di un ironico e simpatico omaggio ai piloti del team Ferrari. Pochi giorni fa, in effetti, la scuderia automobilistica italiana ha annunciato che i due piloti del team, Charles Leclerc e Carlos Sainz jr., indosseranno una divisa celeste, invece che rossa, durante il Gran Premio di Miami di Formula 1, che si terrà fra una settimana. Guideranno, altresì, anche una Ferrari azzurra. Il motivo riguarda il legame tra la Ferrari e gli Stati Uniti, e la decisione di usare un colore che omaggia proprio il mondo della corsa automobilistica americana. Coincidenza vuole, però, che il colore usato sia lo stesso dei piloti del team Gresini. Per questo motivo, in maniera ironica, il team italiano di MotoGP ha risposto alla Ferrari, vestendo i suoi piloti con una tuta rosso Ferrari!

"Grazie Scuderia Ferrari! Abbiamo provato a rispondere al meglio al vostro tributo al team Gresini!", si legge sull'ironica e divertente didascalia del post. Un post in cui vediamo, da una parte, Leclerc e Sainz in celeste, e dall'altra, i fratelli Marc e Álex Márquez in rosso. C'è, però, un dettaglio che confonde, e stona con il resto della divisa. Se vedete bene, infatti, i due piloti spagnoli indossano un cappello con il logo della Red Bull. Ricordiamo che il team Red Bull Racing è il maggior competitor del team Ferrari, in Formula 1, e ha battuto la scuderia italiana, diverse volte negli ultimi anni. Per questo motivo, può far strano vedere un omaggio al team Ferrari con il logo della Red Bull!

formula-1-motogp-marquez-ferrari-in-blu
L'omaggio dei piloti Ferrari al mondo racing a stelle e strisce. (Fonte: Formula 1 - Twitter - X).

Il motivo e le teorie dei fan

Il motivo per il quale i fratelli Márquez indossano un cappello targato Red Bull, però, è che l'azienda è lo sponsor principale di Marc, e adesso lo è anche del fratello. Non c'è, pertanto, un significato nascosto, ma riguarda solo una questione di sponsor. Tutto bene, insomma! Molti fan della MotoGP hanno, però, sottolineato un'altra cosa. Hanno, cioè, notato come i colori della maglia di Marc, così come il suo jeans chiaro, ricordino anche quello del team ufficiale Ducati. Per questo motivo, i fan hanno teorizzato che, ipoteticamente, questo potrebbe essere uno 'spoiler non voluto' sull'intenzione di Marc di passare al team ufficiale Ducati, a partire dal 2025. Potrebbe esserlo? O forse no?

LEGGI ANCHE>>>MotoGP, la rivelazione di Enea Bastianini sul Gran Premio di Spagna: "L'anno scorso ero infortunato, e..."

Lascia un commento