Stati Uniti, cameriera licenziata per colpa di un piatto di pasta: cosa è successo

Una cameriera sostiene di essere stata licenziata per aver venduto un piatto di pasta a dei clienti. Il fatto è successo negli Stati Uniti. C'entra la lista degli ingredienti e un errore commesso dalla lavoratrice.

Il mondo del lavoro è estremamente complesso e frammentato, soprattutto per quanto riguarda il settore privato. Piccole e grandi aziende, ogni giorno, si rendono protagoniste di episodi oggettivamente clamorosi. Tra maltrattamenti, tradimenti tra colleghi e licenziamenti ingiustificabili, sui social si leggono storie al limite dell'incredibile. Negli Stati Uniti, licenziare un dipendente è molto più facile che in Italia. Le tutele sindacali non mancano, ma l'americano medio cambia molti più lavori nel corso della sua vita rispetto all'italiano medio e in alcuni casi il licenziamento è preso con relativa leggerezza.

L'ennesima storia dai contorni poco chiari ambientato nella "terra della libertà" arriva da TikTok. Un utente donna, @_lisheortega_, in lacrime e con la voce modificata, ha raccontato di essere stata licenziata per colpa di un piatto di pasta. Non è chiaro in quale città degli Stati Uniti sia successo. "Sono stata appena licenziata perché ho venduto a qualcuno un piatto di pasta. Nel menù non c'era scritto che nei rigatoni c'era il bacon". La ragazza non lo specifica, ma è probabile che il cliente fosse vegetariano o vegano e, vedendosi arrivare un piatto di pasta con della carne di maiale, si sia lamentato vivacemente.

La cameriera licenziata per colpa di un piatto di pasta

Nei passaggi seguenti del video, la ragazza spiega che "altri dipendenti" hanno fatto "errori peggiori" e non sono stati licenziati. "Mi sono messa a piangere davanti al proprietario. Gli ho detto che non trovavo giusto essere licenziata per un singolo errore, lui ha risposto che non gliene fregava un ca**o". La ragazza non aggiunge altro: "Ora interrompo il video, tutto questo è ridicolo". Nei commenti, molti hanno espresso la loro solidarietà, alcuni le hanno suggerito di assoldare un avvocato del lavoro affinché denunciasse il titolare per licenziamento ingiustificato.

La cameriera licenziata sostiene che un errore relativo a un piatto di pasta le è costato il posto di lavoro.
La cameriera licenziata sostiene che un errore relativo a un piatto di pasta le è costato il posto di lavoro.

Chiaramente questa è la sua versione della storia. Un utente ha scritto, con tono provocatorio: "C'è chiaramente dell'altro", commento a cui la creator ha ribattuto: "Credimi, non c'è altro. Sono stata licenziata perché ho portato un piatto di pasta con il bacon, ma nel menù non era specificato". Alcuni utenti l'hanno incoraggiata: "Non chiedere una seconda chance. Ci sono tante opportunità lì fuori, troverai di meglio". E ancora: "Sono stata licenziata per un errore molto simile, ora lavoro in un altro posto, dove guadagno 6$ in più all'ora. L'universo ha voluto che te ne andassi da lì".

@_lisheortega_

Insane 😪 #fyp

♬ original sound - _lisheortega_

LEGGI ANCHE: "Mi hanno licenziata perché ho detto che non mi piace il lavoro", lo sfogo di una giovane

Lascia un commento