Striscia, aggressione stranissima a Vittorio Staffelli nella metro di Milano: "L'ha usato come una clava"

Ennesima aggressione a Vittorio Staffelli, in metropolitana di Milano, ma questa volta è stata davvero particolare: ecco cosa è successo all'inviato di Striscia la Notizia.

Negli ultimi anni, Vittorio Staffelli dedica molti servizi alle borseggiatrici di Milano. L'inviato di Striscia la Notizia conduce, ormai, una vera e propria crociata contro chi effettua furti nelle stazioni della metropolitana del capoluogo lombardo, e anche per le vie della città. Aiutato da diversi collaboratori, Staffelli sventa i furti dei borseggiatori e delle borseggiatrici, avvisando i passeggeri di fare attenzione a questi ultimi. Naturalmente, durante i suoi numerosi servizi, Staffelli ha ricevuto spesso minacce e insulti, e talvolta è stato anche aggredito. Quello che è successo nel corso del servizio di ieri, però, è davvero incredibile.

Staffelli si è recato presso corso Como, uno dei corsi principali della città lombarda. Lì, ha messo in guardia i turisti e i cittadini dai furti delle borseggiatrici, che, spesso, avvengono mediante la 'tecnica della cartina'. Questo trucco è semplice: servendosi di un foglio di carta abbastanza grande, che può essere anche un poster o, per l'appunto, una cartina stradale, le borseggiatrici rubano gli smartphone senza che le vittime se ne accorgano. Per proteggersi e nascondersi ulteriormente, spesso, le donne si servono anche dei loro figli piccoli, che portano in braccio. Nel servizio di ieri sera, Staffelli ha rivisto due borseggiatrici che già conosceva: nonostante queste fossero state fermate in un servizio precedente, e condotte in carcere, sono tornate all'attacco.

Striscia la Notizia: l'assurda aggressione a Vittorio Staffelli a Milano

Staffelli e i suoi collaboratori hanno sorpreso una delle due borseggiatrici, mentre stava per effettuare il trucco della cartina, in un ristorante. La donna se ne è resa conto, e ha cercato di fuggire. Staffelli l'ha ritrovata, però, insieme alle collaboratrici, e ha provato a parlarle. Le donne sono scappate, e una di loro ha reagito sputandolo in faccia. "Ti porti il bambino per tua scelta o ti chiedono di portarlo?", ha chiesto Staffelli, che ha iniziato a seguirla. Le borseggiatrici, a questo punto, hanno reagito in maniera assurda. L'hanno, infatti, aggredito, lanciandogli di tutto.

striscia-la-notizia-vittorio-staffelli-milano-metropolitana-borseggiatrice-busta-immondizia
La borseggiatrice con una busta dell'immondizia, usata a mo' di 'clava'. (Fonte: Striscia la Notizia - Canale 5 - Mediaset).

Prima di tutto, gli hanno lanciato dei sassi trovati in strada. Dopo avergli lanciato diversi sassi, la donna ha provato ad allontanarlo lanciandogli anche il latte del bambino, insultandolo. "Hai sprecato il latte per il bambino!", ha risposto Staffelli. Nel frattempo, l'inviato ha scoperto che, in quel momento, la donna era riuscita anche a rubare uno smartphone. L'inseguimento è continuato e, dopo i sassi e il latte, la donna ha iniziato a lanciargli anche la terra. "Il 'pellegrinaggio' prosegue verso la complice, che nel frattempo si era armata di una bottiglia d'acqua, che ci lancia contro, facendoci direttamente la doccia", ha detto Staffelli.

L'inviato ha continuato a seguire le donne, fino in metropolitana, dove le donne gli hanno lanciato una lattina. Le donne sono entrate in metropolitana, naturalmente scavalcando i tornelli, e hanno continuato a insultare Staffelli. Sulla banchina del treno, è accaduta la cosa più assurda: una delle donne ha preso un sacco della spazzatura, e ha iniziato a colpire a destra e manca, colpendo in pieno viso un passante. "Ha preso il sacco della spazzatura e l'ha utilizzato come una clava", ha detto Staffelli. L'inseguimento è continuato anche all'interno del treno della metropolitana, fino a quando Staffelli è uscito dal treno. In quel momento, per 'salutarlo', la donna gli ha lanciato un altro sputo. "Tenete gli occhi aperti", ha consigliato Staffelli agli spettatori, prima di chiudere il servizio.

LEGGI ANCHE>>>Striscia, Luca Abete mostra le condizioni assurde delle case dei terremotati di Napoli: "Una piscina di liquami"

Lascia un commento