Eurovision 2024 con Gabriele Corsi e Mara Maionchi, critiche severe per la prima semifinale: "Ma è del mestiere questa?"

La magia dell'Eurovision 2024 ha illuminato gli schermi in tutto il mondo ieri sera con la travolgente prima semifinale. Le nazioni partecipanti hanno dato il meglio di sé. Tra i Paesi che hanno superato questa fase ci sono stati momenti di pura eccellenza artistica, ma anche qualche scivolone che ha suscitato polemiche e non tanto tra i cantanti... Ecco chi avrebbe scatenato critiche severe.

Regno Unito, Polonia, Islanda, Germania, Slovenia, Portogallo, Serbia, Lituania, Ucraina, Cipro, Finlandia, Moldavia, Svezia, Arzebaijan, Irlanda, Australia, Croazia e Lussemburgo hanno brillato sul palco di Malmo, ieri sera, con talenti unici e brani coinvolgenti. Ogni esibizione ha portato una ventata di freschezza e originalità. Ciò conferma il motivo per cui l'Eurovision è uno degli eventi musicali più amati al mondo. Il Portogallo ha trascinato il pubblico con la potente voce di Iolanda e il suo brano "Grito". Intanto la Serbia ha portato sul palco un'atmosfera interessante con Teya Dora e "Ramonda". La Slovenia ha fatto vibrare gli spettatori con l'energia di Raiven e "Veronika". Invece, la Lituania ha regalato un'esperienza unica grazie a Silvester Belt e il suo brano "Luktelk".

Ma non sono mancate le sorprese. L'Ucraina ha stupito tutti con la performance di Alyona Alyona & Jerry Heil e il loro brano "Teresa & Maria". Contemporaneamente, Cipro ha conquistato il pubblico con Silia Kapsis e "Liar". La Finlandia ha portato sul palco una ventata di novità (e un costume choc che ha lasciato intravedere molto) con Windows95man e "No Rules!". E poi c'è l'Irlanda che ha catturato l'attenzione con il suo mix di stili nella performance di Bambie Thug con "Doomsday Blue". La Croazia ha aggiunto un tocco di eccentricità con Baby Lasagna e "Rim Tim Tagi Dim". Infine, il Lussemburgo ha mostrato una forza inarrestabile con Tali e "Fighter". Alla fine a passare sono state proprio Portogallo, Serbia, Slovenia, Lituania, Ucraina, Cipro, Finlandia, Irlanda, Croazia e Lussemburgo.

Eurovision 2024, chi non ha convinto nello show con Gabriele Corsi e Mara Maionchi

Tuttavia, mentre il palcoscenico scintillava di energia e creatività, una polemica si stava già preparando sul fronte italiano. In Italia, l'Eurovision 2024 è seguito con passione e attenzione, e i commentatori Mara Maionchi e Gabriele Corsi sono parte integrante dell'esperienza. Tuttavia, durante la trasmissione della prima semifinale, un errore da parte della produttrice discografica potrebbe aver scatenato una serie di critiche da parte del pubblico televisivo italiano.

Durante i commenti in diretta, Maionchi ha fatto un'affermazione sbagliata riguardo alla Germania, esprimendo dispiacere per il fatto che non fosse passata al turno successivo. Tuttavia, ai sensi delle regole dell'Eurovision, la Germania è una delle cosiddette "Big Five" insieme a Italia, Francia, Regno Unito, Spagna e Svezia (quest'ultima solo per quest'anno in qualità di paese ospitante), e pertanto ha accesso diretto alla finale, senza passare attraverso le semifinali.

Eurovision 2024
Fonte: Twitter/X

Questa gaffe ha suscitato reazioni immediate e taglienti sui social media, con molti spettatori che potrebbero aver espresso delusione e disapprovazione per l'errore commesso dalla Maionchi. Alcuni commenti potrebbero aver suggerito che la conduttrice non fosse adatta al ruolo o che avrebbe dovuto essere meglio preparata, mentre altri potrebbero aver chiesto addirittura la sua sostituzione. Tuttavia, nonostante le critiche, molti fan hanno anche difeso Mara, sottolineando che gli errori possono capitare e che il suo contributo all'esperienza complessiva dell'Eurovision è comunque prezioso. Al di là delle polemiche, non resta ora che attendere la seconda semifinale, che giovedì sera vedrà l'Italia esibirsi con la vincitrice di Sanremo 2024 Angelina Mango e il suo brano "La Noia".

Eurovision 2024

LEGGI ANCHE: La Promessa, anticipazioni mercoledì 8 maggio: Cruz impazzisce di rabbia!

Lascia un commento