Stati Uniti, va al ristorante e sullo scontrino trova un extra sgradito: "È diventata la nuova normalità?"

Uno scontrino battuto negli Stati Uniti è diventato virale sui social media per via di un extra definito "sgradito" dall'autore della segnalazione. A suo dire, non è giusto che sia il cliente a pagare per le difficoltà del comparto della ristorazione.

Maggio è iniziato all'insegna del maltempo. Escludendo i primi due weekend di aprile, l'Italia non ha vissuto fasi di caldo 'africano' vere e proprie che anticipino l'estate. Quando gli italiani torneranno a spostarsi, a mangiare al ristorante con più frequenza, sui social assisteremo al ritorno degli scontrini folli. L'estate del 2023 è stata scoppiettante da questo punto di vista: centinaia di segnalazioni sono diventate virali su Facebook, Instagram e le versioni online dei quotidiani. Alcuni bar hanno chiesto 1€ per tagliare a metà un toast, altri la stessa cifra per fornire un piattino in più agli avventori. È altamente probabile che segnalazioni simili torneranno anche nell'estate del 2024.

L'inflazione ha rallentato negli ultimi mesi, ma gli effetti negativi di due anni di aumenti si sentono ancora sui prezzi del cibo, sia negli alimentari che nei ristoranti. L'Italia, chiaramente, non è da sola: moltissimi altri paesi hanno subito le conseguenze negative dell'aumento incontrollato del costo della vita, Stati Uniti compresi. Fare la spesa è più caro e, inevitabilmente, lo è anche andare al ristorante. Molti statunitensi, specie quelli con stipendi bassi o medio-bassi si sono accorti di come i prezzi dei loro cibi preferiti siano aumentati. Tuttavia, nelle ultime ore su Reddit sta facendo discutere la foto di uno scontrino con un extra che pochissimi ristoranti aggiungono al conto finale.

Stati Uniti, l'extra sullo scontrino fa discutere: "Perché dovrei pagare io?"

Su Reddit esiste una sezione dal nome curioso: "Mildly infuriating", ovvero "Moderatamente irritante". Un utente, Hicks53081, ha pubblicato la foto dello scontrino di un ristorante situato in una città imprecisata degli Stati Uniti. Il cassiere (o chi per lui) ha aggiunto un extra del 2% deliberatamente. Nella parte inferiore del documento fiscale si legge: "Un extra del 2% sarà aggiunto al conto per aiutare a coprire l'aumento dei prezzi delle materie prime. Questa non è una mancia". L'utente si chiesto: "Questa è diventata la nuova normalità? Perché dovrei pagare io?". Questa è la foto:

Negli Stati Uniti, un ristorante ha aggiunto un 2% di extra allo scontrino per "aiutare a coprire l'aumento dei costi causato dall'inflazione".
Negli Stati Uniti, un ristorante ha aggiunto un 2% di extra allo scontrino per "aiutare a coprire l'aumento dei costi causato dall'inflazione".

Leggendo le voci dello scontrino, un utente ha commentato: "Questo è un locale già di per sé costoso. Se aumentasse del 2% il prezzo di tutti i piatti, non me ne accorgerei nemmeno. Il fatto che lo specifichino mi fa passare la voglia di tornarci". Un altro utente ha sentenziato: "A meno che non sia scritto chiaramente sul menù, io mi rifiuterei di pagarlo". Secondo uno studio della CNBC, già nel 2023 il 15% dei ristoranti applicava 'piccoli aumenti' per tutelarsi contro l'inflazione e l'aumento del costo della vita. Per ora, la California è l'unico stato americano che ha reso illegali questo tipo di aumenti: la legge che li vieta entrerà in vigore a partire dal 1° luglio. In Italia sembra difficile che succeda qualcosa del genere: è più probabile che i ristoratori aumentino di 1€ o di 1.50€ i prezzi dei singoli piatti.

LEGGI ANCHE: Londra, vanno a mangiare al ristorante italiano e sullo scontrino trovano un extra che li fa infuriare: "Inconcepibile"

Lascia un commento