Meteo Italia, Mario Giuliacci avverte: "Due importanti novità da qui all'8 giugno"

Mario Giuliacci ha pubblicato le previsioni a medio termine, per il periodo relativo da oggi, 26 maggio, fino all'8 giugno. Il colonnello fa sapere che ci sono "due importanti novità" e che la tanto attesa svolta da molti è in dirittura d'arrivo.

Siamo agli sgoccioli di un mese di maggio estremamente piovoso e, soprattutto al Nord e Centro-Nord, mite. Non si sono registrate ondate di caldo vero e proprio in nessuna delle venti regioni italiane, ad eccezione di poche giornate durante le quali le massime hanno di poco superato i 30 gradi al Centro-Sud e al Sud. L'ultima settimana del mese di maggio, in tal senso, non promette grosse novità, ma dall'inizio del mese prossimo arriverà un cambiamento significativo. Vediamo le previsioni di Mario Giuliacci per i prossimi 10-15 giorni.

Mario Giuliacci ha mostrato che pioverà ancora, e molto, sul Nord Italia fino al 4 giugno.
Mario Giuliacci ha mostrato che pioverà ancora, e molto, sul Nord Italia fino al 4 giugno.

I giorni dal 27 maggio al 3 giugno avranno lo stesso sapore della settimana oramai passata. Ancora tanta pioggia al Nord, come mostra il grafico di Giuliacci. Nelle zone segnate in viola pioverà molto: fascia alpina e pre-alpina, quasi tutta la Lombardia, Piemonte e Friuli-Venezia Giulia. Poco da segnalare sul resto d'Italia: solo Emilia-Romagna, alta Toscana e zone interne di Marche e Abruzzo faranno i conti con piogge moderate nei prossimi dieci giorni. Piuttosto secco al Sud e sulla Sardegna: pioverà soprattutto nelle zone interne. Qualche rovescio anche sulla Sicilia, che sta venendo 'salvata' dagli acquazzoni primaverili, ma dove resta alto il rischio di una grave siccità estiva. Insomma, fino al 3 giugno non ci saranno grandi stravolgimenti.

Le previsioni di Mario Giuliacci fino all'8 giugno

La prima novità è che dal 1° al 4 giugno inizierà una fase di caldo tipicamente estivo al Sud. I venti di scirocco soffieranno decisi, portando le massime a superare anche i 30 gradi. Il caldo aumenterà ancora dopo il 5 giugno: l'anticiclone africano si stabilirà in questa parte d'Italia, portando le massime anche a 35 gradi su Sicilia, Puglia e Calabria. Le ondate di caldo non risparmieranno neanche il Centro: dal 5 all'8 giugno sono previsti più di 30 gradi anche su Lazio, Abruzzo, Marche, Umbria e Toscana. Più moderato il caldo al Nord: massime tra i 25-28 gradi, in aumento nel weekend delle elezioni europee (8 e 9 giugno). In questa fase è previsto uno stop quasi totale alle piogge, anche al Nord.

Insomma, la tanto attesa svolta arriverà attorno al 4 giugno. Come fa notare lo stesso Giuliacci, la prima vera ondata di caldo estivo causata dall'anticiclone africano è in ritardo di 15-20 giorni rispetto agli anni precedenti. Chi non sopporta il caldo può esultare, ma le precipitazioni al Settentrione, per quanto abbiano scongiurato la siccità estiva, sono oggettivamente anomale. Molti ricorderanno come a gennaio e febbraio abbia piovuto pochissimo, ma lo scotto da pagare è stata una primavera estremamente umida. La primavera è sempre stata una stagione piovosa, ma quanto successo al Nord tra aprile e (soprattutto) maggio ha poco di normale.

LEGGI ANCHE: Oroscopo della settimana 27-31 maggio: Vergine, i tuoi sforzi saranno riconosciuti!

Lascia un commento